Pesi ridotti per il cargo militare russo Ilyushin Il-112V

2_Il-112V_Ilyushin (003)

Le future unità realizzate in serie dell’aereo da trasporto  leggero Ilyushin Il-112V saranno più leggere del 20-25% rispetto al primo prototipo che lo scorso 30 marzo ha preso il volo dalla base aerea della società VASO di Voronezh; a riferirlo è stato il portale dell’Agenzia di informazioni commerciali Abireg.ru.

“La riduzione del peso del velivolo – secondo fonti raccolte presso l’azienda che fa capo alla Ilyushin – sarà raggiunta ottimizzando la progettazione, processando l’aggiornamento delle attrezzature ma soprattutto attraverso l’utilizzo di materiali compositi; tutte queste misure atte a ridurre il peso saranno implementate già a partire dalla terza e quarta cellula oggi in via di realizzazione presso gli stabilimenti di Voronezh.”

Secondo il Vicedirettore tecnico della VASO Viktor Solovyov sarebbero già coinvolte aziende del settore dei materiali compositi sotto la supervisione di PJSC Ilyushin e relativamente allo sviluppo di parti non strutturali in compositi quali carenature alari, flap, timoni, porte del carrello di atterraggio, etc.

Ulteriore dato fornito e di non secondaria importanza secondo gli esperti della VASO sarà il costo di produzione del nuovo velivolo da trasporto che non dovrebbe cambiare in modo significativo.

Lo scopo è quello di contrastare il sovraccarico spiegato lo scorso anno dall’ex CEO di PJSC Ilyushin Alexeij Rogozin e riportato a suo tempo da Analisi Difesa.

Considerando che il peso specifico dell’alluminio è pari a 2,7 g/cm³ mentre quello dei materiali compositi per uso aeronautico si aggira su 1,5 g/cm³ questo indica la direzione ottimale per uno dei problemi principali riscontrati in fase di realizzazione del primo prototipo.

Non tralasciando infine l’esperienza di Ilyushin in tal senso con alcune unità sperimentali di Il-114-300, oltre che la realizzazione da parte della VASO di Voronezh di parti in compositi per gli aerei Il-96-300 e per i Sukhoi Superjet 100.

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password