Red Flag 2020: l’Aeronautica Italiana alla più grande esercitazione aerea degli Usa

RedFlag_01

di maggiore Marco Barone

Con i primi decolli degli assetti italiani il 9 marzo è ufficialmente iniziata la Red Flag 2020-02, una delle esercitazioni aeree più complesse e realistiche organizzate a livello internazionale che vede coinvolte presso la base americana di Nellis anche le forze aeree statunitensi, spagnole e tedesche.

Per la prima volta dal 1989, L’Aeronautica Militare partecipa con ben tre tipologie di velivoli: gli Eurofighter del 4°, 36° e 37° Stormo, alla loro seconda Red Flag dopo quella del 2016; il CAEW (Conformal Airborne Early Warning) del 14° Stormo di Pratica di Mare e gli F-35 del 32° Stormo di Amendola, entrambi alla prima presenza in questo particolare scenario addestrativo.

RedFlag_02

Si tratta del più importante e complesso evento addestrativo del 2020 per l’Aeronautica Militare, un’esercitazione nella quale i piloti consolidano le capacità d’impiego dei sistemi d’arma in dotazione e la validità delle rispettive tattiche, mediante l’organizzazione ed il coordinamento di “pacchetti” costituiti da un elevato numero di velivoli, consolidando nel contempo la capacità di operare congiuntamente con altri Reparti, sia della Forza Armata sia di altre nazioni, in operazioni aeree complesse.

Per quanto riguarda gli F-35 italiani ed il CAEW si tratta in assoluto della prima partecipazione alla Red Flag. Relativamente alla linea F-35 va sottolineato un dato significativo che testimonia i continui progressi del sistema d’arma in termini operativi.

Infatti, mentre nel 2019 i piloti italiani di F-35 hanno preso parte alla Red Flag in qualità di istruttori piloti inquadrati nel 62nd Fighter Squadron di Luke AFB, volando però su aerei statunitensi, oggi, a distanza di pochi mesi, il 32° Stormo è presente alla Red Flag 20-02 non solo con i suoi piloti ed il suo personale di supporto ma anche con sei velivoli chiamati ad operare in questo scenario per consolidare ulteriormente  tattiche e procedure operative con l’obiettivo di aumentare l’interoperabilità  con gli altri assetti presenti.

RedFlag_03
RedFlag_03

La presenza dell’Aeronautica Militare, per la prima volta con i velivoli F-35A, sarà anche una eccellente occasione addestrativa per accrescere ulteriormente e consolidare il ruolo del nuovo velivolo quale enabler fondamentale in scenari complessi, che includono minacce aeree e terrestri avanzate, permettendo una maggiore efficacia anche degli assetti di quarta generazione. Tutto ciò sarà possibile grazie ad una maggiore integrazione e sinergia che si può raggiungere con una perfetta interoperabilità degli stessi velivoli legacy con quelli di quinta generazione.

Elevato interesse ha suscitato anche la presenza del CAEW poiché l’Italia è in assoluto la prima nazione a prendere parte all’esercitazione con questo velivolo. Le aspettative in termini di ritorni addestrativi per questo assetto sono quelle di consolidare ulteriormente le funzioni di sorveglianza aerea e di comando e controllo al fine di garantire la superiorità informativa. Il CAEW avrà il compito di Airborne Mission Coordinator in missioni Combined e Joint Personnel Recovery, gestendo un numero elevatissimo di aerei per la prima volta in un poligono americano.

La linea Eurofighter, alla seconda Red Flag dopo quella del 2016, vede la presenza di assetti e piloti degli Stormi caccia dell’Aeronautica Militare. Nel 2016 i Typhoon sono stati impegnati in questa esercitazione svolgendo un addestramento basato su missioni eterogenee. Durante questa esercitazione la linea ha, tra i molteplici obiettivi addestrativi, anche quello di implementare la capacità Swing Role ovvero la caratteristica di questa macchina di poter operare indistintamente nei ruoli aria/aria, aria/suolo e di ricognizione.

Il rischieramento sulla base aerea statunitense è stato condotto con il supporto di un C-130J della 46ª Brigata Aerea di Pisa, che ha garantito il ruolo di Search and Rescue oceanico durante la trasvolata degli assetti partecipanti, e di velivoli KC-767A del 14° Stormo di Pratica di Mare che, oltre ad assicurare un’elevata capacità di carico e di trasporto di personale e materiali, hanno garantito il necessario supporto in termini di rifornimento in volo agli assetti aero-tattici durante la trasvolata.

Un deployment operativo e logistico significativo che la Forza Armata è riuscita a portare avanti come pianificato, nonostante i concomitanti sforzi organizzativi in campo nazionale nell’ambito delle attuali azioni di contrasto e gestione dell’emergenza COVID-19.

Fonte: Ufficio Pubblica Informazione Aeronautica Militare

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password