Il Bangladesh completa l’ammodernamento dei MiG-29 in Bielorussia

152721580_1203579663393238_8502060553452441796_o

Il Ministero della Difesa del Bangladesh prevede nei bilanci 2020-22 l’aggiornamento in Bielorussia della seconda tranche di 4 cacciabombardieri MiG 29UB dopo che i primi 4 sono stati ammodernati nel 2019/20.

Gli 8 Mig 29 in servizio costituiscono la punta di lancia di una forza da combattimento composta anche da 37 Chengdu F-7G/BG/MB, versione cinese del Mig 21mentre non è stata confermata la scelta di un nuovo cacciabombardiere bimotore da ordinare in 8 (+4 in opzione) esemplari e che sembrava aver visto vincitore il Sukhoi Su-30SME  il cui contratto di acquisizione annunciato nel 2017 non è stato firmato.

Le operazioni in questione prevedono infatti un ammodernamento simile allo standard dei Fulcrum della Forza Aerea Bielorussa la cui versione è nota come MiG 29BM; secondo i bengalesi infatti, questa variante sarebbe paragonabile grossomodo al MiG-29SMT russo.

153251016_1205757566508781_3083945967217079279_o

Minsk ha offerto un prezzo finale inferiore rispetto a quello proposto dai russi di MiG e del resto il Bangladesh anche in passato si è rivolta a Minsk (come abbiamo riferito sul nostro canale Telegram).

Secondo gli analisti militari alla base di questa scelta ci sarebbe da considerare anche il fattore delle sanzioni CAATSA statunitensi poste ai paesi che acquistano prodotti militari russi ma l’ipotesi non trova conferme tenuto conto dell’interesse di Dacca ad acquisire i missili antinave russi Kh-31A (AS-17 Krypton-A per la NATO) al fine di equipaggiare gli stessi MiG-29 ammodernati in Bielorussia.

153845109_1203579646726573_2910168661371262335_o

Il Kh-31A è un missile antinave supersonico a medio raggio utile nella neutralizzazione di unità navali fino a 4.500 tonnellate: vanta una velocità massima di Mach 3.5, una portata compresa tra 7,5 e 70 chilometri e utilizza un sistema di navigazione inerziale nella fase di crociera e un radar a ricerca attiva nella fase finale, con una modalità di navigazione a pelo d’acqua.

L’arma è dotata di una testata costituita da esplosivo HE che esplode dopo la penetrazione del missile all’interno della nave.

Foto Aeronautica del Bangladesh

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password