La Svezia “osservatore” nel programma del carro franco-tedesco MGCS

EYh5zuLX0AAisK4

 

 

Il capo di stato maggiore dell’Esercito francese, generale Thierry Burkhard, ha rivelato che la Svezia “ha chiesto lo status di osservatore nel progetto MGCS, il carro armato franco-tedesco” noto come Main Ground Combat System.

L’interesse svedese è motivato dalla necessità di pianificare la sostituzione dei circa 200 carri armati Stridsvagn 122, versione locale del tedesco Leopard 2 A5, in servizio nell’esercito di Stoccolma con 120 esemplari assegnati ai reparti operativi.

L’esigenza di disporre di un moderno carro armato è imposta alla Svezia anche dalle crescenti preoccupazioni per le tensioni tra NATO e Russia e il ruolo di osservatore nel Programma MGCS potrebbe aprire la porta a future commesse svedesi o a una partecipazione dell’industria nazionale allo sviluppo del carro.

Il condizionale è d’obbligo considerate le aspre divergenze di vedute tra Berlino e Parigi che hanno di fatto fermato lo sviluppo del nuovo carro e che riguardano la filosofia costruttiva e l’arma principale, che i tedeschi vorrebbero fosse il cannone Rheinmetall da 130 mm/L51 mentre i francesi vorrebbero l’innovativo Ascalon di Nexter (Autoloaded and SCALable Outperforming guN).

A differenza dei francesi, che vorrebbero per ora mantenere l’MGCS strettamente franco-tedesco, la Germania punta a coinvolgere nel programma altri partner come Gran Bretagna, Italia, Olanda, Norvegia e Svezia, alcuni dei quali già membri del “club Leopard 2” e tradizionali clienti dell’industria dei mezzi corazzati tedeschi.

Londra, come Stoccolma, ha chiesto lo status di osservatore nel programma MGCS e ha varato un programma per ammodernare i suoi carri Challenger 2 portandoli allo standard Challenger 3.

Con fonte Zone Militaire

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password