eFP Lettonia: il team JTAC italiano in addestramento

a0ffa965-964e-4d20-abaf-ba781972e745efp_lettonia (2)Medium

 

Il team Joint Terminal Attack Controller (JTAC) della 10^ Rotazione del Contingente italiano, su base Truppe Alpine dell’Esercito, impiegato nell’ambito dell’Operazione Baltic Guardian – Enhanced Forward Presence (eFP) Lettonia, ha terminato un intenso ciclo addestrativo teso ad incrementare la propria capacità operativa in un contesto multinazionale NATO.

Oltre alle principali e cicliche esercitazioni condotte a livello Battle Group, presso la training area di Camp Adazi, denominate Ajax Strike e Crystal Arrow, il team ha partecipato ad altre attività di Close air Support (CAS) svolte fuori dai confini lettoni.

In Estonia con la Furious Wolf 22.1, esercitazione  organizzata da eFP Estonia e supportata da velivoli della Baltic Air Policing (BAP) e della Enhanced Air Policing (EAP), combinata con l’utilizzo di un Joint fire simulator si è migliorata l’interoperabilità tra eFP BG Latvia, eFP BG Estonia e le forze di difesa Estoni.

5eeb23c9-c246-42cf-b11f-9c9d10318956efp_lettonia (1)Medium

Con la 10^ edizione dell’ Adriatic Strike 22, esercitazione di aerocooperazione di spicco nel panorama europeo che ha coinvolto, in Slovenia, 28 Nazioni e alla quale hanno preso parte assetti aerei di differenti paesi NATO è stata migliorata l’interoperabilità dell’eFP BG Latvia. L’edizione di quest’anno è stata incentrata sull’integrazione del fuoco nelle Large Scale Combat Operation con il dispiegamento di una struttura di Comando e Controllo (C2) a livello Divisione. Italiano il JTAC – Evaluator dei partecipanti di eFP Lettonia che nell’occasione è stato incaricato di supervisionare i team di altri Paesi.

In tali contesti, che rappresentano importanti occasioni di scambio di esperienze tra JTAC di differenti nazioni e gli assetti aerei di diversi paesi NATO è risaltata l’alta specializzazione dell’assetto JTAC italiano, in possesso di numerose esperienze maturate in diversi Teatri Operativi esteri ed in contesti Interforze.

Le abilità del pregiato assetto, tratto dal 2° Reggimento Alpini della Brigata Alpina “Taurinense”, si sono rivelate preziose anche in fase di approntamento nazionale delle forze, dove ha contribuito in modo fattivo alla formazione dei Nuclei Sorveglianza Acquisizione Obiettivi Visuale (SAOV) italiani impiegati attualmente nell’ambito dell’ eFP Lettonia.

Fonte: comunicato stato Maggiore Difesa

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password