Fincantieri: utile in calo ma aumentano ordini e ricavi

000026_foto1_img2

(AdnKronos) – Fincantieri ha chiuso il 2014 con ricavi  pari a 4,399 miliardi di euro, in crescita del 15,4% rispetto ai 3,811 miliardi del 2013 mentre il risultato dell’esercizio è pari a 55 milioni, in calo del 35,2% rispetto ai 85 mln del 2013. Lo rende noto Fincantieri al termine del Cda, riunito sotto la presidenza di Vincenzo Petrone, che ha esaminato e approvato il Bilancio consolidato preconsuntivo al 31 dicembre 2014.

Gli ordini acquisiti sono in crescita a 5,639 miliardi di euro, rispetto ai 4,998 mld al 31 dicembre 2013, e anche il carico di lavoro (backlog) che sale a 9,814 mld (8,068 mld al 31 dicembre 2013).  L’ebitda di Fincantieri si attesta a 297 mln (298 mln di euro al 31 dicembre 2013), l’ebit è pari a 198 mln (209 mln nel 2013). Il 2014, commenta l’ad di Fincantieri, Giuseppe Bono, “è stato un anno importante per Fincantieri.

Abbiamo infatti registrato un aumento degli ordini acquisiti, del carico di lavoro a livello consolidato e dei ricavi in tutti i segmenti in cui operiamo. In particolare, si è  verificata una forte ripresa nel business delle navi da crociera, con 8 nuove unità acquisite sulle 16 ordinate nel mondo, 9 navi attualmente in costruzione e una conseguente ripresa dei volumi nei siti italiani”.

La strategia di diversificazione del business, che  contraddistingue il nostro gruppo, continua Bono, “ci ha permesso di raggiungere un ebitda margin del 6,8%, nonostante il segmento offshore abbia risentito di una congiuntura di mercato particolarmente  sfavorevole nella seconda parte dell’anno.

Tale strategia ci ha anche visto concludere importanti accordi di cooperazione in tutti i segmenti di attività. Ci tengo, inoltre, a ricordare che il 2014 ha segnato l’ingresso in Borsa di Fincantieri, a ulteriore supporto della strategia di crescita del gruppo”.

Il carico di lavoro (backlog) del gruppo al 31 dicembre 2014 è risultato pari a 9,8 miliardi di euro (8,1 miliardi di euro nel 2013),in aumento del 21,6% rispetto al 2013, con uno sviluppo delle commesse in portafoglio previsto fino al 2019. La crescita del carico di lavoro riflette il significativo aumento di ordini acquisiti nel corso degli  ultimi 18 mesi.

Se rapportato ai ricavi sviluppati nell’esercizio 2014, il backlog è pari a oltre 2 anni di lavoro. Inoltre, il soft backlog, che rappresenta il valore delle opzioni contrattuali e delle lettere d’intenti in essere, nonché delle commesse in corso di negoziazione relative al programma di rinnovo della flotta della Marina Militare Italiana, non ancora riflessi nel carico di lavoro, è pari al 31 dicembre 2014 a circa 5 mld.

Nel backlog complessivo, il settore Shipbuilding pesa per il 76% (66% al 31 dicembre 2013), il settore Offshore per il 22% (31% al 31 dicembre 2013), il settore Sistemi, componenti e servizi per il 3% (3% al 31 dicembre 2013). Gli investimenti effettuati nel corso dell’esercizio 2014 ammontano a 162 milioni di euro, di cui 38 mln in attività immateriali (22 mln per progetti di sviluppo) e 124 mln in immobili, impianti e macchinari. Degli investimenti complessivi il 60% è stato effettuato dalla Capogruppo.

Foto: Fincantieri

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password