Le Mistral russe le comprerà l'Egitto?

vladivostok_saint_nazaire

Il presidente francese Francois Hollande e quello russo Vladimir
Putin hanno cancellato il 6 agosto contratto per la vendita delle due portaelicotteri da assalto anfibio tipo Mistral  gioielli della tecnologia militare francese cvhe potrebbero invece venire acquisite dalle forze navali saudita ed egiziana.

In un comunicato l’Eliseo ha reso noto che “la Francia e la Russia sono arrivate a un accordo per porre fine al contratto firmato nel 2011 che prevedeva la consegna delle due navi BPC di tipo Mistral”.

Il Cremlino conferma: “La questione è pienamente risolta”. Il contratto, da 1,2 miliardi di euro, venne siglato nel 2011 dalla francese DCNS/STX e dalla compagnia russa Rosoboronexport: una delle due navi avrebbe dovuto essere consegnata nel 2014,l’altra nel 2015. Parigi ha “accettato” di risarcire i soldi versati dallo Stato russo.

“Non ci sarà alcuna difficoltà a trovare un nuovo acquirente”, ha affermato Hollande. A mandare a monte il contratto fu proprio la sua decisione di vincolare la consegna della Vladivostok, la prima delle due portaelicotteri, alla risoluzione della crisi in Ucraina.

Nel comunicato dell’Eliseo, come in quello del Cremlino, non ci sono cifre ma Parigi precisa in modo esplicito che il rimborso riguarda “esclusivamente” le somme “avanzate nel quadro del contratto” e che “gli equipaggiamenti russi sistemati a bordo delle navi verranno restituiti”. Una formulazione che lascia presupporre che alla fine abbia prevalso la linea francese.

Per il quotidiano russo Kommersant, tuttavia, il risarcimento è di “oltre 1,1 miliardi di euro”, già trasferiti nella massima segretezza su un conto bancario russo.

“L’ammontare preciso verrà comunicato in Parlamento durante il voto per la legge di ratifica”, assicura il ministro della Difesa, Jean-Yves Le Drian, precisando solo che la somma sarà inferiore a 1,2 miliardi di euro.

” Un certo numero di Paesi hanno manifestato il proprio interesse” per le due navi aveva dice Le Drian il 6 agosto e il giorno successivo l’Egitto si è offerto di acquistare le due navi, prime unità tuttoponte e da assalto anfibio per la flotta del Paese arabo.

L’Eliseo ha confermato il potenziale interesse del Cairo e Hollande e al-Sissi ne hanno parlato ieri in occasione dell’inaugurazione del nuovo canale di Suez.

L’acquisto dei Mistral francesi si andrebbe ad iscrivere nel quadro del recente accordo per la sicurezza regionale siglato da Egitto e Arabia Saudita che già include una fregata Fremm, 4 corvette Gowind e 24 cacciabombardiere Rafale.

Foto: AFP, Defense-update

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password