Migranti illegali: da inizio anno sono il 140% in più rispetto al 2015

IFRONTEX

I dati relativi agli sbarchi sulle coste italiane registrati dal ministero dell’Interno hanno confermato che l’Italia è la principale meta dei flussi migratori verso l’Europa. Nel 2016 sono arrivate 181.436 persone, il 17% in più del 2015 (153.842) e il 6% in più del 2014 (170.100). Il picco è stato raggiunto in ottobre con 27.384 arrivi, un record anche rispetto a qualsiasi mese degli anni precedenti. A preoccupare è soprattutto il numero degli MSNA, i minori stranieri non accompagnati. Molto facilmente si perdono le loro tracce: vengono risucchiati dalle città, avvicinati da mafie o dispersi nelle campagne.

Negli ultimi anni il loro numero è raddoppiato: nel 2015 sono stai 12.360, nel 2016 25.846. Lo scorso 29 marzo la Camera dei Deputati ha approvato una legge che garantisce loro protezione, prevedendo una serie di misure volte alla loro tutela, tra cui il divieto di respingimento, la possibilità di procedere all’espulsione solo se questa non comporta rischi per il minore e l’iscrizione di diritto al Servizio Sanitario Nazionale.

Nonostante le difficili condizioni meteorologiche e del mare, tra gennaio e marzo 2017 sono sbarcati 24.280 migranti, il 29,1% in più rispetto allo stesso periodo del 2016. Rispetto ai dati dello stesso arco di tempo di due anni fa l’aumento registrato è del 139,86%.

Dati più recenti resi noti dal Viminale il 26 aprile riferiscono che dal 1° gennaio al 6 aprile erano sbarcati in Italia 36.882 migranti, il 36,31% in più dello stesso periodo dell’anno scorso quando gli sbarcati erano stati 27.058 provenienti per lo più da Nigeria (5.229) precede Bangladesh (4.504), Guinea (4.107), Costa d’Avorio (3.854), Gambia (2.910), Senegal (2.529), Marocco (2.415), Mali (1.820), Eritrea (1.043) e Somalia (1.021). Nello stesso periodo i minori non accompagnati sbarcati sono stati 3.557, cioè circa il 10% anche se pochissimi sono di età inferiore ai 14 anni.

images

Nei giorni scorsi un altro interessante rapporto, reso noto dall’ Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), ha evidenziato come Il 93% dei migranti che si trovava negli ultimi mesi in Libia ha detto di aver lasciato il paese di origine per fuggire la povertà e l’assenza di opportunità per migliori condizioni di vita, mentre il 5% lo ha fatto per scappare da guerre, conflitti e condizioni di insicurezza e l’1% per la mancanza di servizi primari in patria.

Di fatto il report Dtm Libya Migrant Report, realizzato sulla base di 1.314 interviste sul campo compiute tra dicembre 2016 e marzo scorsi confermano come il 95% per cento di coloro che son0o pronti a raggiungere l’Italia grazie ai trafficanti libici sono migranti economici privi di ogni forma di diritto all’asilo o all’accoglienza nel nostro Paese.

I dati sono emersi dal Displacement Tracking Matrix, sistema usato dall’Oim – e cofinanziato da Ue e UK Department for International Development (Dfid) – per monitorare i movimenti della popolazione presente in Libia, e sono stati raccolti in con interviste ‘random’ in nove diverse regioni del Paese.

Il 68% dei migranti intervistati ha riferito che era disoccupato nel Paese di origine. Per quanto riguarda il restante 32%, nel 70% dei casi i principali settori di impiego erano agricoltura, pastorizia, pesca e industria alimentare, nel 9% i settori di costruzioni, fornitura di acqua, energia.

AP TM nEws

Il 64% dei migranti ha dichiarato che la Libia era il Paese di destinazione, mentre il 16% guardava all’Italia, l’8% alla Francia e il 5% alla Germania. In particolare, il 42% dei nigeriani puntava all’Italia come prima destinazione. La scelta delle destinazioni era soprattutto legata alle condizioni socio-economiche del Paese di arrivo (83%), mentre l’11% ha scelto in base alle condizioni di accesso all’asilo, ed il 4% per i parenti presenti nei Paesi di destinazione.

Secondo l’indagine, il 53% di chi sceglie l’Italia come destinazione lo fa per motivi economici, il 40% per chiedere asilo, un dato quest’ultimo cresciuto rispetto al 22% del 2016. Solo il 18% degli intervistati ha preso in considerazione l’idea di tornare nel proprio Paese di origine. La nazionalità principale tra i migranti intervistati è il Niger con il 33% di persone, seguita dall’Egitto con il 19%, e da Sudan, Mali, Nigeria, Ciad.

La maggioranza dei migranti intervistati era di sesso maschile (98%) e di età compresa tra i 20 e i 29 anni (62%). Il 52% erano single, e nel 76% dei casi avevano completato un percorso di studi: il 25% una scuola coranica, il 22% la scuola primaria, il 12% quella secondaria, il 17% un corso professionale, l’1% un’istruzione superiore.

Per quanto riguarda i viaggi, il 70% degli intervistati ha dichiarato di essere partito da un Paese al confine con la Libia. Nel 90% dei casi il viaggio è stato compiuto in maniera non ‘ufficiale’ e il 96% degli intervistati ha riferito di essere entrato il Libia via terra. Per il 67.4% il costo per raggiungere la Libia è stato di meno di mille dollari a persona, mentre il 31.7% ha riferito di un costo tra i 1000 e i 5 mila dollari. Cifre che, secondo lo studio, potrebbero coprire il trasporto dei trafficanti, i checkpoint, cibo e alloggio.

EPA 634x434

Per quanto riguarda la stima dei migranti ora in Libia, tra gennaio e febbraio 2017 l’OIM ha rilevato la presenza di 381,463 migranti sul territorio del Paese, di cui 7,197 in stato di detenzione. Le principali regioni in cui si concentrano quelle di sono Misurata, Tripoli e Sebha. Di questi, il 96% sono adulti, dei quali l’87% uomini e il 13% donne. I minori sono il 4%, il 38% dei quali (uno su tre) non è accompagnato. Sono 38 infine le nazionalità, fra le quali la maggioritaria è egiziana (18%). Seguono migranti del Niger con il 17%, mentre al terzo posto si collocano quelli del Ciad, l’11%.

(con fonti AGI e ANSA)

Foto: Frontex, EPA, AP, TM News e Marina Militare

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password