Il generale Paolo Serra dalla Libia al comando delle Forze Operative Nord

Intervento del Gen. C.A. Paolo Serra (00000002)

Cambio al vertice del Comando Forze Operative Nord (Comfopnord). Al Generale di Corpo d’Armata Bruno Stano è subentrato il Generale di Corpo d’Armata Paolo Serra, che ha recentemente lasciato la carica di Consigliere per la Sicurezza nell’ambito della Missione Onu Unsmil in Libia. La cerimonia si è svolta ieri a Padova, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, del Sottosegretario all’ ambiente, Barbara Degani, del Sindaco, Sergio Giordani, e del Rettore dell’ Università, Rosario Rizzuto.

Il generele Errico ha espresso un ringraziamento al Gen. Stano per l’impegno dimostrato nel portare a termine la costituzione del Comando Forze Operative Nord. Un processo iniziato nel settembre 2013, nell’ambito della riorganizzazione degli alti comandi della Forza Armata, che ha visto l’accorpamento del Primo Comando Forze di Difesa con il Comando Militare Esercito “Veneto”.

Intervista al Gen. C.A. Bruno Stano

Il processo è poi continuato, nel corso del 2014 con le assunzioni delle funzioni del Comando Infrastrutture Nord e nel 2015 acquisendo, alle proprie dipendenze, la Divisione “Friuli”. Dal primo ottobre 2016 il Comando Forze di Difesa Interregionale Nord ha accorpato tutte le funzioni operative, infrastrutturali e territoriali della Forza Armata del centro e nord Italia cambiando la propria denominazione nell’attuale Comando Forze Operative Nord.

In quest’area, il Comfopnord sovrintende a tutti i concorsi che l’Esercito fornisce, in conformità ai propri compiti istituzionali e nel caso di pubbliche calamità, come accaduto per gli eventi sismici che hanno colpito l’Italia centrale il 24 agosto 2016 e successivamente il 30 ottobre, dove il Comfopnord ha coordinato nelle prime fasi l’operazione “Sabina”, nella quale sono stati impegnati circa 1500 militari e oltre 500 mezzi (tattici, speciali del genio e commerciali) per la ricerca e il soccorso di superstiti, rimozione delle macerie, ripristino della viabilità stradale e vigilanza anti sciacallaggio di paesi e borghi disabitati.

Fonte: comunicato Stato Maggiore Esercito

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password