L’Esercito francese ha registrato quasi 900 diserzioni nel 2017

2547612829_small_1

L’Armée de Terre ha registrato l’anno scorso quasi 900 casi di diserzione, un numero definito “stabile rispetto all’anno precedente” dal portavoce dell’esercito d’Oltralpe, colonnello Benoît Brulon.

Il quotidiano Le Monde, basandosi su dati raccolti presso la Direzione degli affari penali militari, aveva rivelato in un’inchiesta 1.544 casi di diserzione nel 2017 contro i 1.213 del 2016.aggiungendo che le diserzioni costituiscono il 74% delle infrazioni commesse dal personale militare.

untitled

I casi reali di diserzione sarebbero però molti meno poichè, ha specificato il colonnello Brulon “la diserzione viene definita tale solo dopo sei giorni di assenza non giustificata del militare e molti casi sono stati poi risolti con il rientro del militare alla propria base o con la presentazione di un certificato medico”.

Per questo l’Esercito ha registrato come casi di diserzione 893 militari nel 2017 e 889 l’anno precedente. Casi in grabn psrte divuti, secondo Brulon, “a una pessima percezione dei rigori imposti dalla professione militare”.

La diserzione vene punita con 3 anni di carcere in tempo di pace e 10 anni in tempo di guerra ma in realtà tutte le pene inflitte negli ultimi anni sono state meno pesanti.

Foto Armèe de Terre

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password