B-2
Enduring freedom

L’ultimo raid di Obama

(aggiornato il 21 gennaio alle ore 8,45) Il presidente Barack Obama conclude in modo spettacolare 9 anni di sua amministrazione con un raid aereo in Libia eseguito dai bombardieri “stealth”…

Leggi tutto
Roma, 16 gen. (askanews) - Il generale libico Khalifah Haftar avrebbe firmato un accordo con i russi un accordo per una fornitura d'armi dal valore di 2 miliardi di dollari. A rivelarlo ai media arabi è un parlamentare dell'Assemblea dei deputati del governo di Tobruk al quale risponde il generale Haftar. 

"Esiste una commessa di armi russi di oltre 2 miliardi di dollari siglata dal generale Hafatr durante la visita sull'incrociatore Kuznetsov" che mercoledì scorso era in transito davanti a Tobruk nel suo viaggio di rientro dalla Siria, come ha detto al quotidiano Al Arab, Ismail al Gul, parlamentare dell'Assemblea dei deputati di Tobruk alla quale risponde il generale Haftar.

"Sono in nessere contratti precedenti dell'esercito libico e quello che è successo (la firma sull'incrociatore) non è altro che il completamento di quei contratti", ha spiegato il parlamentare prima di aggiungere che "questa commessa è un passo avanti per revocare l'embargo imposto sull'esercito libico impegnato in una guerra contro gruppi teroristici". 

Il quotidiano "al Arab" edito a Londra ricrda che il Cremlino aveva stipulato una commessa di armi nel 2008 con l'ex regime del colonnello Muammar Gheddafi.
Editoriale

Se i russi tornano (in armi) in Libia

La visita inaspettata del maresciallo Khalifa Haftar sulla portaerei Ammiraglio Kuznetsov, in rotta di rientro dalla acque siriane dove i suoi jet hanno contribuito alla vittoria ad Aleppo, ha un…

Leggi tutto
Roma, 6 giu. (askanews) - In Libia le truppe del generale Khalifah Haftar che fanno capo al parlamento di Tobruk "sono riuscite ad entrare nelle ultime due roccaforti" dei jihadisti dello Stato Islamico (Isis) a Bengasi, città ad est del Paese Nordafricano. A riferirlo è la tv satellitare al Arabiya che cita fonti militari secondo le quali "l'operazione di liberare completamente i due bastioni è questione di ore". 

Secondo le stesse fonti, nelle due zone attaccate dall'esercito, Souq al Hut ("Il Mercato del Pesce") e al Sabri "la maggior parte dei terroristi sono stati fatti prigionieri o uccisi mentre quelli rimasti in vita sono fuggiti via mare", hanno detto le fonti all'emittente panaraba.
Enduring freedom

Aria di guerra civile in Libia: in Cirenaica arrivano i russi?

In Libia, all’indomani della prova di forza degli islamisti a Tripoli, la situazione nel Paese nordafricano sembra destinata ad ulteriori complicazioni se verrà confermata la notizia, diffusa dai media arabi,…

Leggi tutto
Roma, 13 gen. (askanews) - Il generale libico Khalifah Belqasim Haftar "ha firmato un accordo" con Mosca per l'installazione di una base militare in Libia. A scriverlo oggi è al Quds al Arabi, quotidiano panarabo di proprietà del Qatar, Paese che sostiene l'ex governo islamista di Salvezza nazionale di Tripoli.

Non solo ma la stessa testata, in un editoriale pubblicato oggi sul suo sito on-line, parla di "prossime manovre della marina militare russa" nelle acque del mediterraneo davanti alle coste libiche che avrebbe l'obbiettivo di "testare eventuali reazioni dei Paesi occidentali, troppo preoccupati di non impantanarsi" nel caos del Paese Nordafricano. 

Mercoledì scorso, il generale Haftar ha visitato l'incrociatore russo Kuznetsov. Il comandante del sedicente esercito nazionale libico è stato accolto a bordo dal Vice Ammiraglio V. N. Sokolov e una volta sul vascello si è collegato in videoconferenza con il Ministro della Difesa della Federazione Russa Sergei Shoigu, come ha fatto sapere in un comunicato il ministero
della Difesa russo. (segue)
News

Haftar sulla portaerei Kuznetsov: Putin “sbarca” in Libia

Il comandante dell’esercito nazionale che fa capo all’Assemblea dei deputati di Tobruk, Khalifa Haftar, ha visitato ieri la portaerei russa Admiral Kuznetsov dove è giunto probabilmente con un elicottero della…

Leggi tutto
libya-mig-21
Analisi Italia

Caos libico: Haftar bombarda Jufra e critica l’Italia

A Tripoli lo pseudo governo di Fayez al-Sarraj resta evanescente, non riesce neppure a insediarsi nella capitale dominata da milizie rivali e perde i pezzi. Si è infatti dimesso uno…

Leggi tutto
183958954-079aa881-b45c-4564-92cb-49024c34c324
Analisi Sicurezza

Frontex: organizzazioni umanitarie colluse con i trafficanti

Le Ong che salvano gli immigrati illegali nella rotta del Mediterraneo centrale dalla Libia verso l’Italia sarebbero in combutta con i trafficanti di esseri umani. La pesante accusa viene da…

Leggi tutto
imagescap34gmq
Enduring freedom

O gli USA mentono o l’Isis è immortale

da Il Mattino del 18 dicembre 2016 Dall’inizio dei raid aerei della Coalizione a guida Usa contro Isis in Iraq e Siria, nell’agosto del 2014, è stato eliminato il 75…

Leggi tutto
ifrontex
Editoriale

Ue: da espellere l’80 per cento dei clandestini sbarcati in italia

L’8 dicembre Bruxelles ha chiuso la procedura di infrazione contro Roma e Atene sulla registrazione dei migranti illrgali per il sistema Eurodac. Negli ultimi anni Italia e Grecia hanno fatto…

Leggi tutto
Roma, 3 giu. (askanews) - "Tutti a Raqqa". E' questo il nome di operazione militare che sta èper lanciare il regime del presidente siriano Bashar al Assad per la riconquista della capitale dello Stato Islamico (Isis). E' quanto riferisce oggi "Al Akhbar" un giornale libanese molto legato a Damasco che parla di un "potente ritono in campo" di Mosca "che appogerà dal cileo l'offensiva"; un evdiente segnale a Washington ed ai suoi alleati che non lascderà a loro "il trofeo" della caccia all'Isis.

Lo scorso 25 maggio, forze arabe-curde sostenute dagli Stati Uniti hanno lanciato un'offensiva su Raqqa. 

Secondo le fonti del giornale, "da giorni le truppe dell'esercito siriano e delle forze alleate (Hezbollah libanesi ed iraniani" si stanno ammassando nella zona di Atharia nella provincia di Hama in attesa dell'ora x per la battaglia di Raqqa".
Enduring freedom

Aleppo Sirte e Mosul: battaglie decisive contro i jihadisti?

Tre battaglie potrebbero cambiare il volto della guerra ai movimenti jihadisti in Medio Oriente e Nord Africa. In Libia e in Iraq lo Stato Islamico è sconfitto o sulla difensiva…

Leggi tutto
TOPSHOT - A T-54 tank belonging to forces loyal to Libya's Government of National Accord (GNA) takes position in Sirte's Al-Giza Al-Bahriya district on November 21, 2016, during clashes with Islamic State (IS) group jihadists to retake control of the Mediterranean coastal city. / AFP PHOTO / MAHMUD TURKIA
Enduring freedom

Il crollo dello Stato Islamico a Sirte

Ci sono voluti sette mesi di combattimenti, quasi 700 caduti e più di 3.500 feriti tra le milizie di Misurata e le altre forze libiche per riconquistare Sirte, “capitale” dello…

Leggi tutto

Pagina 1 di 29

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password