Confermati gli elicotteri Mi-26T2 per l’Algeria

mi26

 Ne avevamo parlato su AD nr. 130 luglio 2012 in “Elicotteri Mil Mi-26T2 per l’Algeria?” e le dimostrazioni effettuate dalla società russa Rostvertol nel paese africano (dopo un volo in solitaria di un Mi-26T2 da Rostov sul Don ad Algeri) hanno avuto esito positivo. Secondo l’agenzia ARMS-TASS infatti, la suddetta società (una controllata di Russian Helicopters), avrebbe iniziato la produzione di sei elicotteri da trasporto pesante modernizzati Mi-26T2 per conto della Forza Aerea algerina. Il Mi-26T2 è l’ultima versione del Mi-26 (Codice NATO “Halo”); è equipaggiato da cinque moderni display multifunzione a cristalli liquidi (MFD), pannelli di controllo digitali, unità di backup elettromeccanici, avionica di bordo totalmente rinnovata per una notevole riduzione del carico di lavoro dell’equipaggio, nonché un confort di bordo sensibilmente migliorato (climatizzazione, riscaldamento ed ergonomia di bordo migliorata).

Il Mi-26T2 offre inoltre la possibilità di utilizzo dei NVG (night vision goggles) per missioni notturne, dispositivo integrato di alimentazione TV a colori per la visualizzazione costante del carico esterno, turbine D-136-2 migliorate per l’uso “hot and high” e dotate di FADEC (Full Authority Digital Engine Control), avvisatore integrato EGPSWS (Early Ground Proximity Warning System), un Automatic Flight Control System aggiornato che consente il volo in ogni condizione climatica meteo – temporale – geografica, su  qualsiasi rotta dell’aviazione civile o su rotte improvvisate. Un proiettore supplementare è stato installato inoltre per operazioni notturne con capacità di illuminazione ad infrarossi (e quindi perfettamente compatibile con i relativi visori notturni).

L’aggiornamento include infine un sistema di navigazione A-737 GNSS compatibile sia con il GPS occidentale che con il sistema di navigazione russo Glonass. Ricordiamo che attualmente le forze aeree algerine non annoverano nella propria flotta alcun elicottero da trasporto pesante, bensì poco più di un centinaio di Mi-8/-17/-171, tre Kamov Ka-32 e 28 vecchi elicotteri Mil Mi-2. 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password