ANCORA VELIVOLI RUSSI PER PECHINO

Be-200_Az

Il Ministro russo dell’Industria e del Commercio, Denis Manturov, ha annunciato il contratto con la Cina per la fornitura di quattro aerei anfibi polivalenti Beriev Be-200.

“È stato firmato un accordo con Pechino per la consegna di due più due aerei anfibi Be-200; la prima consegna avverrà certamente nel 2018” ha detto Manturov.

Non è stato specificato il valore del contratto (anche se in base a precedenti accordi stipulati con la Difesa russa è stimabile un valore di poco superiore ai 70 milioni di dollari), né se le consegne dei quattro velivoli verranno ultimate nel 2018.

Il Beriev Be-200 è il più grande aereo anfibio polivalente al mondo, può operare agevolmente in numerosi ruoli tra cui missioni antincendio (potendo imbarcare su un carico d’acqua di 12.000 litri), operazioni di ricerca e soccorso (SAR), pattugliamento marittimo e può trasportare inoltre merci per 7,5 tonnellate o fino a 72 passeggeri.

In occasione del China Air Show, un nuovo affare ha visto invece protagonista Russian Helicopters: si tratta di un contratto siglato con la società Wuhan Rand Aviation Technology Service Co. Ltd. (un’azienda nata nel 2013 e quasi certamente parastatale) per la fornitura di 18 nuovi elicotteri tra cui Mil Mi-171, Kamov Ka-32 e Kazan Ansat che verranno probabilmente impiegati in compiti di protezione civile.

L’accordo commerciale è stato firmato da Alexander Shcherbinin, Vice direttore generale per il marketing e business di Russian Helicopters e il CEO di Wuhan Rand Aviation Technology Service Co. Ltd. Liang Jian.
Nel dettaglio l’accordo prevede la consegna di due elicotteri Ansat configurati specificatamente in modalità Medevac, due Mi-171 e un Ka-32 con un’opzione per altri 13 elicotteri (6 Ansat, 4 Mi-171 e 3 Ka-32).

Le prime unità ordinate saranno consegnate già a partire dal 2017; le rimanenti macchine invece giungeranno in Cina entro la fine del 2018.

30385f4b5108d0a2939f37d8c58eff6a

Sia i Ka-32 che i Mi-171 sono ampiamente utilizzati in Cina in numerose missioni antincendio, MedEvac (evacuazione sanitaria) e di soccorso; diverso è il discorso del Kazan Ansat un elicottero leggero nato alla fine degli anni novanta per sostituire i vecchi Mil Mi-2, dotato di cabina interna configurabile e in grado di trasportare fino a 1.300 chili di carico.

L’Ansat trova dunque nella Cina il suo primo cliente straniero. A proposito di accordi sino-russi, interpellato dai giornalisti il direttore generale di Russian Helicopters Alexander Mikheyev ha riferito che Russia e Cina hanno intenzione di dare seguito all’accordo comune sul progetto dell’elicottero pesante denominato AHL (Advanced Heavy-Lifter) probabilmente entro la fine dell’anno in corso.

“Siamo vicini alla fine dei colloqui e spero che si possa giungere alla fine dei negoziati con la firma del progetto entro i prossimi due mesi” ha detto Mikheyev
Secondo il CEO di Russian Helicopter la Cina sarà il mercato principale se non addirittura assoluto dell’AHL con un potenziale ordine di poco superiore ai 200 elicotteri di questa classe entro il 2040.

Il nuovo elicottero, il cui sviluppo è stato sostenuto in prima persona dal presidente russo Vladimir Putin e dal presidente cinese Xi Jinping con i recenti memorandum d’intesa siglati lo scorso maggio, avrà un peso massimo al decollo di 38 tonnellate e sarà in grado, secondo le linee progettuali delineate tra i due partner, di trasportare 10 tonnellate di carico interno o fino a 15 tonnellate esternamente.

Foto: Russian Helicopters e Beriev

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password