Nuova Delhi stacca la spina al caccia indo-russo FGFA

1_FGFA_weaponNews.com (002)

L’Indian Air Force (IAF) ha accantonato lo sviluppo del caccia biposto di quinta generazione Sukhoi/HAL Fifth Generation Fighter Aircraft (FGFA), un progetto congiunto indo-russo derivato dal Sukhoi PAK-FA (Su-57) e la cui firma dell’accordo di cooperazione risale oramai a quasi undici anni fa (ottobre 2007).

Secondo l’autorevole IHS Jane’s Defense Weekly, i più alti funzionari del paese asiatico tra cui il Consigliere per la Sicurezza Nazionale, Ajit Doval, e il segretario alla Difesa Sanjay Mitra avrebbero informato una delegazione ministeriale russa in visita in India nello scorso febbraio della decisione di Nuova Delhi del ritiro dal programma.

Gli stessi funzionari indiani non avrebbero escluso in futuro la possibilità della IAF di poter tornare sui propri passi per scegliere in un secondo momento la stessa piattaforma una volta introdotta e pienamente operativa presso le file della VKS russa o addirittura rivisitare il progetto in questione riprendendo i termini della collaborazione.

Ancora un “ni” da parte di Nuova Delhi, che nell’ultimo decennio ha reso bene l’idea della confusione che regna sovrana nell’apparato decisionale dei vertici militari indiani: dal suddetto programma FGFA cancellato dopo ben 11 anni di altalenanti decisioni (e nemmeno senza un’assoluta certezza sulla parola “fine” a dire il vero), fino al contratto per 200 Ka-226T firmato a giugno 2015 e ancora non avviato, proseguendo ancora circa la gara MMRCA (Medium Multi-Role Combat Aircraft) che si dibatte tra chiusure, riaperture e modifiche al bando dal 2009 ad oggi.

La posizione delle autorità indiane in materia di acquisti aeronautici è insomma a dir poco sorprendente: si continua a parlare di gravi carenze di aerei da combattimento tra le file della IAF ma poi si dilatano inesorabilmente i tempi per la richiesta di numeri sproporzionati di velivoli o per cambiamenti delle preferenze dettate dall’ondivaghismo della leadership politica indiana, e il tutto condito dall’ingombrante presenza cinese nel continente asiatico che invece procede spedita nel riarmo.

A proposito di FGFA e dei numeri inverosimili, l’India prevedeva di realizzare dapprima un totale di 250 caccia (numero che apparve allora estremamente sovradimensionato se consideriamo che gli Stati Uniti hanno oggi a disposizione 180 F-22 Raptor), poi si passò a 214 esemplari, proseguendo nel 2012 a 144, per concludere infine nel 2017 con la richiesta di 108 aerei.

Certamente l’attuale amministrazione indiana del Primo Ministro Modi mostra chiaramente di allontanarsi sempre più dalla tradizionale neutralità in favore di legami più stretti con gli Stati Uniti e probabilmente l’insuccesso dell’FGFA ravviverà nuovamente il discorso sulle prospettive dell’F-35 nel mercato indiano. Tuttavia, è praticamente certo che gli indiani non riceveranno dagli Stati Uniti un significativo trasferimento di tecnologia di quinta generazione poiché secondo autorevoli analisti militari gli USA sono pronti a condividere pienamente con gli indiani solo le tecnologie della generazione precedente di velivoli da combattimento.

Per certi versi quello che i russi, ed era palese, non volevano fare con l’FGFA e col conseguente trasferimento immediato e massiccio di tecnologia verso Nuova Delhi.

Foto HAL

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password