Cresce la “petro-pirateria” nel Golfo di Guinea

Gulf_of_Guinea_Nations

Secondo un recente report di EOS Risk Group, la Nigeria continua ad essere l’epicentro mondiale per le attività di pirateria. Da gennaio a giugno 2018, EOS ha registrato 34 attacchi pirata nigeriani su navi mercantili e da pesca nel Golfo di Guinea. Questi attacchi hanno portato al rapimento di 35 marinai per il riscatto e il dirottamento di diverse navi.

“Quest’anno è stata la rinascita della” petro-pirateria “, che ha comportato il sequestro di petroliere per il furto di petrolio”, ha dichiarato Jake Longworth, analista senior di EOS Risk. “Il ritorno della petro-pirateria è stato accompagnato da un conseguente aumento della portata geografica delle bande di pirati nigeriani, con attacchi anche nelle acque del Benin e del Ghana”.

gunmen_niger(1)

Molti analisti hanno citato l’aumento dei prezzi del petrolio come fattore propedeutico al ritorno della petro-pirateria nel Golfo di Guinea. Anche se questo potrebbe essere un fattore significativo, è opportuno ricordare che i prezzi del petrolio avevano toccato il minimo da 13 anni quando i pirati hanno dirottato la MT Maximus al largo di Abidjan, Costa d’Avorio, nel febbraio 2016.

Sarebbe quindi frettoloso vedere una correlazione esclusiva tra rischio di dirottamenti di petroliere e prezzi del petrolio. Le ragioni del ritorno di questo crimine sono probabilmente più complesse, essendo radicate nella corruzione, nelle attività di contrasto (a terra e in mare) e nella capacità delle reti criminali di spostare di nuovo grandi quantità di prodotti rubati nei mercati legittimi, ha affermato EOS.

Dopo il calo dell’attività di pirateria al largo del Benin dal 2012, EOS ha registrato 7 attacchi pirata nelle acque del vicino occidentale della Nigeria nella prima metà del 2018. Gli attacchi hanno comportato numerosi sequestri di petroliere, uno dei quali ha causato la perdita di 2.000 tonnellate metriche di Prodotto. I pirati nigeriani hanno anche operato nelle acque del Ghana in aprile, sequestrando cinque marinai da due navi.

A seguito del dirottamento del MT Barrett, i pirati hanno attaccato altre tre petroliere nell’ancoraggio di Cotonou nel febbraio 2018. Il 1° febbraio, l’imbarcazione con bandiera panamense MT Marine Express, con 22 cittadini indiani a bordo e un carico di 13.500 tonnellate di benzina, è stata dirottata da una dozzina di pirati dall’ancoraggio di Cotonou, il Benin. La società Anglo Eastern ha riferito che la nave è stata rilasciata 6 giorni dopo, il suo equipaggio è al sicuro e carico intatto.

piracyguinea

Nonostante i dirottamenti abbiano attirato l’attenzione dei giornali, Longworth ha detto che la minaccia è ancora presente nel Delta del Niger, in particolare nelle aree dei porti e dei terminal petroliferi nelle vicinanze di Port Harcourt.

“Il 95% degli attacchi che abbiamo registrato nelle acque nigeriane si è verificato vicino a Bonny Island, a meno di 60 miglia nautiche dalla costa. I pirati che operano in queste acque sono focalizzati sul rapimento dei marittimi per ottenere un riscatto “.

È in questa zona che i pirati nigeriani pesantemente armati hanno rapito 11 marittimi dalla nave da carico FWN Rapide in aprile. Secondo EOS, è il numero più alto di ostaggi presi da un gruppo di pirati nigeriani in un singolo attacco.

Steven Harwood, responsabile degli “special risk” di EOS, ha detto che ci sono due principali bande di pirati nella Federazione della Nigeria, che impiegano circa 16 pirati a tempo pieno. “Uno si trova nelle insenature vicino a Yenagoa, nello Stato di Bayelsa e l’altro intorno ad Abonnema, nel River State. Entrambe le bande sono in comunicazione e talvolta subappaltano la gestione degli ostaggi ad altri gruppi criminali “.

EOS avverte che è probabile che l’instabilità nel Delta del Niger aumenti in vista delle elezioni generali del 2019 in Nigeria, il che potrebbe provocare un picco nell’attività della pirateria. “Dall’inizio del secolo, questo modello è stato riscontrato in Nigeria in vista dei principali periodi elettorali, a testimonianza del complesso legame tra pirateria e conflitto politico nel Delta del Niger”

Per mitigare il rischio, EOS raccomanda agli armatori di implementare misure di Global Counter Piracy Guidance (GCPG) e laddove sia richiesta una protezione aggiuntiva, le compagnie di navigazione dovrebbero richiedere navi scorta armate e guardie imbarcate in base a quanto consentito dalla legge nazionale.

Fonte: Defenceweb

Foto Nazioni Unite e Defenceweb

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password