News da Mosca

5_Il-22PP_janes (002)

La Russia pensa al nuovo sostituto dell’Ilyushin Il-22PP ECM

La Russia starebbe sviluppando un nuovo aereo da guerra elettronica (ECM) in grado di disabilitare i satelliti militari nemici.  Lo ha riferito all’agenzia RIA Novosti una fonte del complesso industriale – militare.

“Questa macchina che dovrebbe sostituire gli Ilyushin/Myasishchev Il-22PP “Porubshcik” da guerra elettronica (ECM) riceverà un equipaggiamento di bordo fondamentalmente nuovo attraverso il quale sarà in grado di condurre la soppressione elettronica di tutti gli obiettivi – terrestri, aerei e di mare – e di disabilitare i satelliti nemici utilizzati per la navigazione e le comunicazione dei mezzi militari.”

Secondo la suddetta fonte la progettazione concettuale di questa nuova categoria di velivoli è pronta e il relativo processo di sviluppo inizierà nel prossimo futuro. Ufficiosamente il nuovo velivolo è chiamato “Porubshchik 2” ma si tratta di un nome provvisorio e molto probabilmente quando questo aereo si unirà alle Forze Aerospaziali avrà già un nome diverso.

Gli esperti stanno considerando la possibilità di creare il “Porubshchik 2” sulla base del Tu-214 o Il-76 poiché ritornare sui vecchi Il-22 è attualmente improponibile data l’età delle cellule esistenti in servizio con le forze aeree russe (VKS).

 

Certificazioni congiunte civili e militari per il nuovo Ilyushin Il-276

L’aereo da trasporto militare medio Ilyushin Il-276 si sta preparando ai test di certificazione congiunti per la Difesa e l’aviazione civile. “Per la prima volta nella storia della creazione di velivoli da trasporto militare – ha affermato Pavel Cherenkov, Primo Vice Direttore Generale del PJSC Ilyushin Aviation Complex – la richiesta di certificazione sarà preparata sia sotto gli standard del Ministero della Difesa che secondo i requisiti richiesti dall’Organizzazione dell’aviazione civile internazionale (ICAO). Questo consentirà di combinare i test di stato con la certificazione civile e di ottenere così risultati validi per entrambi i rispettivi campi di applicazione.”

4_Il-276_RIA_Novosti (002)

Secondo i progettisti infatti, le dimensioni della cabina di carico dell’Il-276 tengono conto delle caratteristiche operative del velivolo sia per i fini militari che per i voli dell’aviazione civile. La meccanizzazione di carico e scarico incorporata è sviluppata invece tenendo conto della vasta esperienza del funzionamento degli aerei Il-76.

“Al momento – ha proseguito Cherenkov – il progetto preliminare di questo velivolo e il processo di approvazione dei compiti tecnico-tattici sono in corso di esecuzione presso il Ministero della Difesa della Federazione Russa.”

L’Ilyushin Il-276 ricordiamo è un aereo da trasporto nato dalle ceneri del progetto indo-russo MRTA (MultiRole Transport Aircraft) siglato nel 2009, noto anche come MTA o ancora come ex Ilyushin Il-214.

Bimotore con un peso al decollo di poco superiore alle 60 tonnellate l’Il-276 dovrà essere in grado di trasportare diversi veicoli da combattimento di fanteria o in opzione centinaia di soldati ad una distanza massima 2.000 Km e ad una velocità massima di 800 km/h, inoltre, dovrà necessariamente possedere tra i requisiti richiesti dalla Difesa russa la possibilità di atterrare anche in presenza di piste semi-preparate.

Destinato a sostituire i vecchi Antonov An-12, An-26 e An-72 in servizio con le Forze Aeree russe, la sua categoria di carico verrà a posizionarsi tra il nuovo aereo da trasporto leggero Ilyushin Il-112 e l’aereo da trasporto pesante IL-76MD-90A (noto anche come Il-476). L’Il-276, il cui costo per esemplare è stimato in circa 35-40 milioni di dollari dovrebbe effettuare il primo volo entro il 2023 ed entrare in produzione in serie entro il 2026.

 

Nuova gara per la manutenzione degli elicotteri bulgari

combat

Dopo l’accordo sulla manutenzione dei 15 caccia MiG-29 tocca alla flotta ad ala rotante di Sofia: lo scorso 30 luglio infatti il ministero della Difesa bulgaro ha pubblicato una gara d’appalto per la revisione di 2 elicotteri da trasporto Mil Mi-17 più 4 elicotteri da combattimento Mil Mi-24V della Bălgarski Voennovăzdušni sili o Aeronautica Militare bulgara.

Il termine ultimo per la presentazione delle offerte è il prossimo 3 settembre con uno specifico accordo quadro che copre un periodo di 4 anni da firmare con la società vincitrice. Il valore totale del contratto si aggira sui 22 miliardi di dollari circa (7 milioni $ per i due Mi-17 e 15 milioni $ per i quattro Mi-24V).

Foto Jane’s, Novosti e Forze Aweree Bulgare

 

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password