Guerra in Siria: il bilancio di Mosca

file-photo--russia-s-defence-minister-sergei-shoigu-attends-the-forum--quot-army-quot--in-moscow-region-4

Quasi 90 mila ribelli di diversi movimenti jihadisti sono stati uccisi in Siria in tre anni di operazioni militari russe (presero il via a fine settembre 2015). Lo ha dichiarato il 20 ottobre ministro della Difesa di Mosca, Serghei Shoigu a Singapore per il quinto consiglio dei ministri della Difesa dei Paesi membri dell’ASEAN.

1028194688

Le forze russe a sostegno delle forze governative di Bashar al Assad e hanno compiuto oltre 40 mila raid aerei, di cui 21mila notturni, contro 120 mila obiettivi “terroristici” ha spiegato Shoigu

Incursioni che “hanno distrutto circa 122mila postazioni dei terroristi, eliminando la maggior parte dei miliziani” ha aggiunto il ministro.

Shoigu ha poi annunciato che “dal debutto dell’operazione, più di 87.500 ribelli sono stati eliminati mentre 1.411 località sono stati liberate insieme al 95% del territorio mentre le forze governative controllano le aree in cui in cui vivono oltre il 90% dei siriani.

SU 34 inm Siria Min Difesa Russo TASS

I due dati appaiono simili ma indicano situazioni diverse. Il fatto che il 95% del territorio siriano non sia più in mano ai ribelli non significa che sia sotto il controllo del governo.

Le vaste regioni orientali a est dell’Eufrate sono controllate dalle milizie curdo-Arabe delle Forze Democratiche Siriane appoggiate da 2.000 militari Usa e qualche centinaio di francesi la cui presenza in territorio siriano costituisce una netta violazioni del diritto internazionale.

Le forze di Bashar Assad controllano invece le regioni della Siria centrale e orientale dove risiedeva prima della guerra la gran parte della popolazione siriana.

Aree molto urbanizzate dove le forze russe sono ora impegnate a ricostruire le condizioni infrastrutturali minime per consentire il rientro dei circa 6 milioni di profughi fuggiti all’estero o sfollati interni al paese di cui è già vcominbcuiato il rientro. “Abbiamo acquisito una vasta esperienza militare in Siria, e siamo pronti a condividerla”, ha concluso Shoigu.

Foto: Reuters e Ministero della Difesa Russo

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password