Oltre 200 paracadutisti della Folgore in Germania per la “Saber Junction 2018”

df139b53f52265837af79ae8ad8bdf9d49e6bbdad406ec8a57270a167fa8b343

Terminata in Germania la Saber Junction 2018, l’esercitazione multinazionale ed interforze che ha visto impiegati in Germania oltre 200 Paracadutisti della Folgore a fianco dei militari di 19 Paesi alleati.

L’esercitazione, che rientra nel ciclo delle diverse attività annuali addestrative multinazionali ed interforze che vedono coinvolte la Brigata Folgore, è mirata a consolidare le capacità professionali, tecniche e tattiche del personale nell’integrare interoperabilità e standardizzazione delle procedure delle unità che costituiscono l’Airborne Community, nel caso in cui le forze avioportate che la compongono siano chiamate ad operare in risposta a una situazione di crisi internazionale.

Nel corso della Saber Junction 2018 sono stati simulate diverse attività mirate a sviluppare un addestramento il più aderente possibile alla realtà dei moderni scenari operativi. Di particolare rilievo è l’aviolancio di massa effettuato nel corso dell’esercitazione di ben 500 Paracadutisti in unico passaggio.

1bc5f6d59525770143789636721cef2316cdb110fe8051f441c03b7fc36045e2

La Brigata Paracadutisti Folgore ha impiegato assetti a livello Compagnia del 183° Reggimento Paracadutisti “Nembo” e un plotone esploratori di formazione su base 186° Reggimento Paracadutisti “Folgore”.

Grazie a un percorso addestrativo mirato a sviluppare le capacità di tale tipologia di unità su tutte le dimensioni (terza dimensione, anfibia, montana), gli esploratori hanno operato infiltrati – tramite aviolancio con la tecnica della caduta libera – ben oltre le linee amiche mettendo in atto la capacità Long Range Surveillance (LRS) volta alla ricognizione d’area, acquisizione e identificazione di Zone Lancio e Zone d’atterraggio e sorveglianza del campo di battaglia e di aree di interesse informativo per il livello superiore di comando.

81e5b9564f5f6d080b61c0758678cbff4bac1a69de4ebfad9842b6f7ab520b3fIn questa esercitazione giocato dalla 173^ Infantry Brigade Combat Team (Airborne), la ben nota 173^ Brigata avioportata statunitense. Di rilievo è stato il risultato conseguito dai nostri Esploratori in termini di Interoperabilità conseguita con le Forze Speciali Statunitensi durante l’esercitazione.

La 19^ compagnia paracadutisti “Linci” del 183° Reggimento Paracadutisti “Nembo” ha messa in atto, a seguito di aviolancio, una Joint Forcible Entry Operation con alti livelli di prontezza operativa, garantendo un fondamentale supporto alla manovra del 2-503 battaglione della 173^ Divisione.

Le Unità Guastatori Paracadutisti hanno impiegato, sia in aria che in terra, le unità ADR (Airfield Damage Repair) e ACRT (Advance Combat Engineer Reconnaissance Team).

c3a679d91394e090fd6faeba6bd1b1d50846c469ccc686d3f04d61ef8ed29219

Nel corso dell’esercitazione sono state potenziate le capacità operative degli assetti specializzati nelle operazioni avioportate mediante l’utilizzo di nuove procedure tecnico-tattiche, la standardizzazione delle attività di ground assault convoy con aviolancio, l’impiego simulato di esplosivi e la riparazione di piste d’atterraggio di aeromobili.

Quest’ultima attività di cross-training con l’U.S. Army, messa in atto per la prima volta da un’unità di genieri italiana, ha permesso al Plotone ADR la valutazione e il ripristino speditivo di una pista semi preparata utilizzata nel corso dell’esercitazione per l’atterraggio in condizioni tattiche dei velivoli C-130 e C-27J.

Fonte: comunicato Brigata Paracadutisti Folgore

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password