Aerei antiguerriglia AT-6C Wolverine per l’aeronautica tunisina

gallery11

Gli Stati Uniti hanno autorizzato la vendita militare alla Tunisia di quattro aerei AT-6C Wolverine da attacco leggero per un valore stimato di 325 milioni di dollari, compresi l’assistenza logistica e l0addestramento del personale.

L’Agenzia di cooperazione alla sicurezza della difesa (DSCA) degli Stati Uniti ha notificato al Congresso la possibile vendita il 25 febbraio dopo che la Tunisia ha richiesto quattro aerei  Textron Aviation Defense AT-6C Wolverine con 468 bombe Mk 81 da 250 libbre, 48 Mk 82 da 500 libbre, 3.290 razzi di precisione (APKWS) missili, due motori Pratt & Whitney PT6A-68D 1600 shp di scorta, sei sistemi di sorveglianza e acquisizione obiettivi L-3 WESCAM MX 15D, sei mitragliatrici da 12,7 mm e altre attrezzature e materiale di addestramento.

“La vendita proposta migliorerà la capacità della Tunisia di far fronte alle minacce attuali e future aumentandone la capacità di contrastare il terrorismo e altre minacce violente da parte di organizzazioni estremiste.

gallery09

La piattaforma AT-6 rafforzerà la loro capacità di rispondere e affrontare le minacce in più aree del Paese. Inoltre, l’approvvigionamento del velivolo AT-6 rafforza l’interoperabilità tra Tunisia, alleati regionali e Stati Uniti “, ha affermato la DSCA.
Textron Aviation Defense è l’appaltatore principale del contratto che potrebbe venire formalizzato a breve.

La Tunisia l’anno scorso ha infatti chiesto una dozzina di T-6C Texan II, con il DSCA che ha notificato al Congresso questa vendita il 10 ottobre 2019. Il DSCA ha affermato che la Tunisia aveva richiesto la possibile vendita di 12 aerei T-6C Texan II, motori di scorta, istruttori di volo, pezzi di ricambio, attrezzature per l’assistenza a terra e di supporto per un valore stimato di 234 milioni di dollari.

La vendita di T-6C proposta mira a sostituire l’invecchiamento della flotta di addestratori della Tunisia e consentire alla sua aeronautica di continuare ad addestrare i piloti a sostenere missioni contro insurrezionali (CoIn)e di sicurezza delle frontiere, ha affermato la DSCA. L’Aeronautica tunisina impiega attualmente 14 vecchi caccia F-5E/F Tiger II, 10 jet da addestamento Aermacchi MB-326, 9 L-59T e 17 addestratori basici SF260, tutti armabili per l’impiego CoIn.

Immagine6

Come ricorda il web-magazine sudafricano Defenceweb, il Marocco è l’unica altra nazione africana che vola con i T-6, ordinati in  24 esemplari per 185 milioni di dollari nell’ottobre 2009 e consegnati dal 2011.

Il T-6 è uno sviluppo dell’addestratore svizzero Pilatus PC-9 ed è stato sviluppato per ricoprire il ruolo di Joint Primary Aircraft Training System per la US Air Force e la US Navy.

La versione C è un ulteriore perfezionamento del T-6A Texan II con un cockpit in vetro integrato, una suite avionica avanzata e ali a punta dura che possono ospitare serbatoi di carburante ausiliari, avionica potenziata con un display Head-Up, un pannello di controllo frontale, tre display multifunzione e comandi HOTAS (Hands-On Throttle and Stick). Questa attrezzatura rispecchia i sistemi e le capacità degli aerei da combattimento di prima linea, pur mantenendo tutte le caratteristiche intrinseche e di volo dell’addestratore T-6.

L’aereo da attacco leggero AT-6C Wolverine ha sette punti di attacco che consentono di trasportare 1 860 kg di ordigni e armi tra cui pod con mitragliatrici calibro HMP-400.50, bombe non guidate Mk 81 e Mk 82, GBU-12, GUB-58, GBU-49 e Bombe guidate GBU-59 Paveway II, missili a guida laser, missili e razzi Hellmire AGM-114. Il targeting avviene tramite una suite multi-sensore MX-15D con telecamere a colori e infrarossi, designatore laser, illuminatore laser e telemetro laser.

Foto Textron Aviation Defense

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password