L’Egitto aggiorna gli elicotteri Apache

apache-3-markings-blurred_1110X486

L’Egitto vuole aggiornare la sua flotta di 43 elicotteri da attacco Boeing AH-64D Apache portandoli allo standard AH-64E con un contratto del valore stimato 2,3 miliardi di dollari approvato il 7 maggio dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.

L’agenzia di cooperazione alla sicurezza della difesa (DSCA) degli Stati Uniti ha dichiarato che l’Egitto ha richiesto una vasta gamma di forniture previste per l’aggiornamento degli elicotteri, inclusi 88 motori T700-GE-701D, dotazioni elettroniche e armamento (razzi, cannoni e missili Hallfire).

ah_64_gallery_lrg_02_960

“L’Egitto intende utilizzare questi elicotteri AH-64 ricondizionati per modernizzare le sue forze armate per rispondere all’interesse comune USA-Egitto nel contrastare le attività terroristiche provenienti dalla penisola del Sinai, che minacciano la sicurezza egiziana e israeliana e minano la stabilità regionale.

Questa vendita contribuirà all’obiettivo militare dell’Egitto di aggiornare le sue capacità, migliorando ulteriormente la maggiore interoperabilità tra Egitto, Stati Uniti e altri alleati. L’Egitto non avrà difficoltà a sostenere questi velivoli aggiornati”, ha affermato il Dipartimento di Stato.

I principali appaltatori del contratto sono Boeing e Lockheed Martin.

L’Egitto è un grande utente di elicotteri d’attacco allineando 46 AH-64D, 46 Kamov Ka-52 russi quasi tutti già consegnati e una dozzina di Mi-24 (oltra a quel che resta di una flotta di 60 elicotteri Gazelle armati con missili anticarro Hot). Nel novembre 2018 l’Egitto aveva chiesto di acquisire 10 AH-64E per un valore stimato di 1 miliardo di dollari ma l’attuale contratto sembra annullare la richiesta precedente.

Il Qatar, rivale dell’Egitto nel mondo arabo, ha appena ricevuto 24 AH-64E a rimpiazzo della flotta di 14 Gazelle/Hot.

Foto Boeing

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password