Al via i contratti per due nuovi satelliti COSMO-SkyMed Second Generation

COSMO-SkyMed_@Thales Alenia Space (002)

Sono stati siglati oggi con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e il Ministero della Difesa i contratti per due satelliti COSMO-SKyMed Second Generation (CSG). I satelliti 3 e 4 completeranno la seconda generazione del programma italiano per l’osservazione della terra garantendo continuità ed elevate prestazioni dei servizi di monitoraggio del pianeta.

COSMO-SkyMed è un sistema satellitare di osservazione della Terra dell’ASI e del Ministero della Difesa, un fiore all’occhiello della tecnologia e dell’innovazione italiana, realizzato da Leonardo e le sue joint venture Thales Alenia Space e Telespazio. Costellazione a uso duale, con i suoi “occhi” radar SAR (Synthetic Aperture Radar) in grado di monitorare i fenomeni della Terra in qualsiasi condizione metereologica, COSMO-SkyMed ha cambiato il modo di osservare il pianeta, assicurando informazioni fondamentali per la sicurezza e la comprensione di fenomeni che interessano la vita di tutti i giorni.

La progettazione del sensore SAR di seconda generazione, insieme alle caratteristiche di flessibilità del segmento di Terra, rappresenta un importante passo avanti della tecnologia all’avanguardia per i sistemi di Osservazione della Terra incentrati sulla tecnologia radar, in termini di qualità di immagine, programmazione e versatilità nell’acquisizione delle immagini, agilità di rilevamento e capacità di elaborazione e aggiornamento a Terra, incluso lo sfruttamento dei dati.

ImmagineCerimonia_1- (002)

Thales Alenia Space è alla guida di un consorzio industriale di cui fanno parte Telespazio e Leonardo. In particolare, Thales Alenia Space è responsabile della progettazione e lo sviluppo dei quattro satelliti CSG e della progettazione del sistema end-to-end, dell’integrazione e della messa in servizio. Telespazio è responsabile della progettazione e dello sviluppo del segmento di terra, inclusi gli aspetti della sicurezza, e della fornitura dei servizi di logistica integrata e delle operazioni. La linea di business spazio di Leonardo partecipa al programma fornendo sensori di assetto – star trackers (A-STR) per l’orientamento del satellite, i sistemi fotovoltaici ed equipaggiamenti allo stato dell’arte per la distribuzione e gestione della potenza elettrica del satellite, massimizzandone l’efficienza.

I due nuovi satelliti che saranno costruiti da Thales Alenia Space garantiranno il completamento della costellazione e la piena capacità operativa dei servizi di osservazione del SAR (Radar a Apertura Sintetica) forniti dai quattro satelliti del COSMO di seconda generazione, che sostituisce il precedente COSMO-SkyMed di prima generazione, ancora operativo nonostante il satellite abbia superato la sua aspettativa di vita.

Con le innovazioni della seconda generazione, tra i numerosi benefici, COSMO-SkyMed diventa il primo sistema spaziale SAR al mondo in grado di acquisire simultaneamente due immagini di due aree a centinaia di chilometri di distanza tra loro e quindi di servire due richieste che sarebbero state in conflitto per qualsiasi altro sistema satellitare.

Le immagini COSMO-SkyMed sono impiegate per dare supporto alle popolazioni colpite da disastri naturali come terremoti e incendi, ma anche per il controllo del patrimonio culturale e artistico, delle
infrastrutture critiche, per il monitoraggio del recedere dei ghiacciai, quello dello sversamento di petrolio nei mari e per l’ottimizzazione delle tecniche di agricoltura.

Il primo satellite di Seconda Generazione è stato lanciato un anno fa. Il secondo satellite sarà lanciato a bordo di un razzo VEGA-C. A questi si aggiungeranno i prossimi due.

“COSMOSkyMed è una storia di successo del sistema Italia, un driver di ricerca tecnologica, di nuove applicazioni, di competitività industriale e di occupazione, nonché una infrastruttura fondamentale per la protezione e sicurezza del nostro Paese e dell’Europa. ha commentato l’amministratore delegato di Leonardo Alessandro Profumo.

“Un sistema le cui potenzialità in termini di affidabilità, precisione e flessibilità sono note a livello internazionale grazie alle capacità dimostrate nella gestione di situazioni di emergenza legate a eventi improvvisi, capacità ulteriormente potenziate nella seconda generazione del programma, grazie a una continua ricerca tecnologica.
Come Leonardo siamo orgogliosi del contributo fornito in tutte le fasi del programma COSMOSkyMed, un ruolo che ci conferisce credibilità e prestigio con i nostri clienti in tutto il mondo”.

“E’ grande la soddisfazione per la firma di questo contratto che permetterà il completamento della Seconda Generazione di COSMO-SkyMed, garantendo un ulteriore salto in termini di tecnologia e prestazioni dell’intera costellazione e consolidando a livello mondiale la leadership di Thales Alenia Space nel settore dell’Osservazione radar della Terra” – ha commentato Massimo Claudio Comparini, ad di Thales Alenia Space Italia. Mantenere all’avanguardia l’intera costellazione COSMO-SkyMed attraverso la realizzazione di altri due satelliti di seconda generazione, è fondamentale per preservare il primato di tutta la nostra industria e della sua filiera in un mercato spaziale in continua evoluzione”.

Per Luigi Pasquali, ad di Telespazio, “con i due nuovi satelliti di Seconda Generazione gli utenti potranno fare affidamento sulla continuità operativa del sistema COSMO-SkyMed e beneficiare delle evoluzioni e delle prestazioni migliorate raggiunte sia a livello di segmento spaziale che di segmento terrestre”.

L’obiettivo primario del CSG sarà fornire servizi di osservazione della Terra duali a utenti civili e della difesa grazie a un ampio portafoglio di prodotti, ottenuti con varie modalità operative del sensore SAR, sia in modalità campo visivo ristretto e risoluzione ultrafine che ad ampio campo.

Il sistema COSMO-SkyMed, dell’Agenzia Spaziale Italiana e del Ministero della Difesa, è frutto ed espressione delle migliori competenze dell’industria spaziale italiana, con Leonardo e le sue joint venture Thales Alenia Space e Telespazio, coadiuvate da un numero significativo di piccole e medie imprese. In particolare Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%) è responsabile dell’intero sistema e dei satelliti radar, mentre Telespazio, joint venture tra Leonardo (67%) e Thales (33%) è responsabile del segmento di terra e ospita al Fucino il centro di comando e controllo della costellazione.

Inoltre Leonardo contribuisce al programma fornendo i sensori di assetto stellare per l’orientamento del satellite, i pannelli fotovoltaici e unità elettroniche per la gestione della potenza elettrica. La prima generazione conta quattro satelliti lanciati tra il 2007 e il 2010, mentre il primo satellite della nuova generazione è stato lanciato nel dicembre 2019. La costellazione COSMO-SkyMed è in grado di acquisire fino a 1800 immagini al giorno che Leonardo, tramite eGEOS (Telespazio 80%, ASI 20%), riceve, elabora e commercializza in tutto il mondo.

Fonte: comunicati Leonardo/Thales Alenia Space

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password