Leonardo al World Defense Show 2022 in Arabia Saudita

World_Defense_Show (002)

 

Leonardo partecipa alla prima edizione del World Defense Show 2022 (WDS – Riyadh, 6-9 marzo) presentando al salone capacità e soluzioni tecnologiche multi-dominio.

La presenza di Leonardo è caratterizzata da quattro stand, che presentano l’ampio portafoglio di piattaforme e soluzioni tecnologiche multi-dominio (Hall 1, stand G9.1 ed all’interno dell’area statica Pad F), la presenza nel Paese, con Leonardo Saudi (Hall 2, stand Q18); il focus sui programmi sviluppati dall’azienda nel Regno Unito (Hall1, stand J37) e negli Stati Uniti (Hall 1, stand N2).

Tra le tecnologie proposte volte a garantire un’elevata sicurezza all’interno dei contesti multi-dominio più complessi, il radar per la sorveglianza costiera a lungo raggio SPS 732, il radar per la sorveglianza e difesa aerea a lungo raggio RAT 31 DL digital ed il radar multifunzionale Kronos Grand Naval per il tracciamento simultaneo di bersagli multipli. Questi ultimi due sistemi, in grado di fornire una sorveglianza 3D, sono dotati dell’avanzata tecnologia AESA (Active Electronically Scanned Array) di Leonardo.

Leonardo fornisce suite complete, radar e sensori per tutte le piattaforme aeree, tra cui BriteCloud active Expendable Decoy e il Miysis DIRCM (Directed Infrared Countermeasure), il sistema SAGE per missioni di intelligence e ricognizione RF e il radar AESA multidominio Osprey 30. Nel dominio terrestre, Leonardo presenta le munizioni Vulcano 155 mm a lungo raggio ad alta efficacia e precisione, disponibili nelle varianti BER (Ballistic Extended Range) e GLR (Guided Long Range) e in grado di raggiungere distanze fino a 70 km. Anche il Type 163 LTD (Laser Target Designator), designatore laser leggero, compatto e performante, è tra le offerte dell’azienda. Più di 800 sistemi sono già stati consegnati a 27 clienti internazionali, tra cui l’Australian Defence Force, che ne ha recentemente ordinato un secondo lotto.

Leonardo DRS, la controllata statunitense di Leonardo, propone i propri sistemi di “battle management”, di alimentazione di bordo e tecnologie elettroottiche e a infrarossi (EO/IR). L’offerta di Leonardo comprende poi piattaforme UAS (Uncrewed Aerial Systems) e tecnologie C-UAS (Counter Uncrewed Aerial Systems) di ultima generazione, per applicazioni civili e militari.

Fra queste il Falco Xplorer UAS, efficace per il controllo delle frontiere e la raccolta di informazioni in una vasta gamma di scenari, e il velivolo ad ala rotante AWHero, una piattaforma duale, impiegabile operazioni civili come di difesa, sia di giorno che di notte, su terra e mare. Completamente personalizzabili, sviluppati in ambito difesa ma facilmente e immediatamente efficaci anche in contesti civili, i sistemi CUAS di Leonardo sono stati già forniti alla Royal Air Force britannica e alle Forze armate italiane e statunitensi. Leonardo è partner chiave in molti fra i più importanti programmi strategici della difesa.

Fra di essi l’Eurofighter Typhoon (per il quale è responsabile di oltre il 60% dell’avionica di bordo), l’Eurodrone (recentemente posto sotto contratto da OCCAR) e – tramite le sue attività sia nel Regno Unito che in Italia – anche del programma Tempest FCAS, per il quale è prevista l’entrata in servizio a partire dal 2035. Tra i programmi per velivoli ad ala fissa, Leonardo espone nell’area statica (Pad F) il C-27J Spartan, imbattibile nella sua categoria in termini di flessibilità multi-missione.

Nella versione Next Generation il C-27J è dotato di un’avionica completamente nuova e di nuovi sviluppi aerodinamici, per una efficienza 2 operativa ottimizzata e prestazioni ancora superiori. Il C-27J Next Generation verrà presentato alla stampa con un briefing dedicato l’8 marzo alle 14:00 (Hall 1, stand G9.1). In evidenza anche l’M-346, la soluzione oggi più avanzata per addestrare i piloti destinati ai velivoli da difesa di nuova generazione. Il suo sistema di addestramento all’avanguardia, che include la capacità Live Virtual Constructive, permette di simulare gli scenari operativi più complessi.

Il sistema di addestramento dell’M-346 alla base dall’International Flight Training School (IFTS), iniziativa realizzata da Leonardo e dall’Aeronautica Militare italiana che sta riscuotendo ampio interesse nel Golfo e non solo. La nuova versione operativa del velivolo, l’M-346 FA, già in consegna per il primo cliente internazionale, conserva tutte le caratteristiche addestrative del trainer e, attraverso l’integrazione di equipaggiamenti e sensori di ultima generazione, diventa un efficace velivolo operativo da attacco leggero. In regioni come l’Europa, il Medio Oriente e l’Asia-Pacifico, diverse sono le opportunità per gli elicotteri militari AW159 e AW149.

L’AW159 è altamente efficace nelle operazioni marittime grazie alla propria flessibilità di missione, che lo rende realmente multi-ruolo. È una piattaforma economica, moderna e agile per ruoli di difesa anti-sottomarina (ASW), di superficie (ASuW), come per operazioni di intelligence, sorveglianza, acquisizione bersagli e ricognizione (ISTAR), interdizione marittima, ricerca e soccorso (SAR).

L’AW149 è un elicottero multiruolo medio di ultima generazione da 8,6 tonnellate, che offre la flessibilità richiesta da una moderna piattaforma per il supporto del campo di battaglia, flessibile a diversi compiti e con un rapporto costo-efficacia senza pari. Le tecnologie Leonardo in mostra sono focalizzate sull’interoperabilità cross-domain, incluso il dominio Cyber & Security, nell’ambito del quale Leonardo si posiziona tra i leader per la fornitura di soluzioni complete e integrate.

Al WDS, Leonardo presenta le proprie tecnologie e piattaforme proprietarie per supportare la sicurezza delle infrastrutture critiche nazionali e la formazione degli operatori della sicurezza informatica, sviluppando la capacità di valutare la resilienza dei sistemi e rispondere efficacemente agli attacchi informatici, supportando anche la digitalizzazione dei processi “core” in ambito difesa.

Leonardo presenterà le proprie capacità in termini di Cyber security l’8 marzo alle 10:15 (padiglione 1, stand G9.1). Leonardo contribuisce alla sicurezza e al progresso globale, in linea con il suo piano strategico al 2030. In questo contesto, Leonardo ha recentemente lanciato la Business Innovation Factory (leonardoaccelerator.com), un acceleratore aperto a start-up e innovatori di talento, provenienti dall’Europa e dal Medio Oriente

Fonte: comunicato Leonardo

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password