Rischio sanzioni: le Filippine annullano il contratto degli elicotteri russi Mil Mi-171

1_Mi-171_Filippine (1) (002)

 

 

Il Governo delle Filippine ha definitivamente annullato la procedura d’acquisto dei 16 elicotteri Mil Mi-171 russi a causa delle possibili sanzioni da parte degli Stati Uniti: lo ha riportato l’Associated Press citando i locali funzionari.

L’ex segretario alla Difesa Delfin Lorenzana ha dichiarato infatti di aver annullato l’accordo da 12,8 miliardi di pesos (pari a 227 milioni di dollari) relativo all’acquisto dei Mi-171 per effetto della decisione avvenuta lo scorso 30 giugno approvata dall’allora presidente Rodrigo Duterte prima della scadenza del suo mandato: – «Potremmo andare incontro alle sanzioni…» – ha letteralmente dichiarato Lorenzana spiegando in parole povere il motivo dell’annullamento dell’accordo.

Secondo un funzionario militare filippino che ha parlato a condizione di anonimato: – «L’accordo sugli elicotteri sarebbe stato sottoposto a un “processo di risoluzione” dopo che è stata presa la decisione di annullarlo poiché in realtà il contratto era già stato firmato. I russi possono certamente fare appello ma c’è poco spazio per un ripensamento da parte del Governo filippino.» – ha affermato il funzionario.

7_Mi-171E (002)

Una storia molto lunga e tormentata e puntualmente narrata negli anni da Analisi Difesa in tutti i suoi continui tira e molla. L’intenzione delle Filippine di acquistare 16 Mil Mi-171 dalla Russia risale al 2017 e fu successivamente annunciata durante il Forum Army-2019 dal Vice Ministro della Difesa Nazionale delle Filippine Raimundo Elefante.

Nel marzo 2020 l’ambasciata filippina in Russia riferiva che una delegazione locale costituita dal Segretario alla Difesa Josue Gaverza Jr. e da altri funzionari delle Forze Armate di Manila si era recata presso l’azienda russa Ulan-Ude Aviation Plant (UUAP) per prendere visione degli elicotteri Mil Mi-171 e della loro catena di produzione in relazione al previsto acquisto.

7_Mi-171E (1) (002)

Nonostante l’inizio delle consegne degli elicotteri multiuso Sikorsky S-70i Black Hawk, il 4 novembre 2020 il Dipartimento filippino del bilancio e della gestione emetteva un “Ordine di assegnazione speciale” (SARO) approvato il precedente 29 ottobre del valore di 1,919 miliardi di pesos filippini (pari a 41,56 milioni di dollari) e relativo al pagamento anticipato del 15% per la fornitura di elicotteri da trasporto in conformità con i requisiti del programma di modernizzazione delle Forze Armate filippine.

Restava certamente da capire come la Difesa filippina intendesse aggirare lo scoglio delle famigerate sanzioni statunitensi ai sensi del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA), fino allo fine dello scorso anno, quando persino l’autorevole Jane’s citava il proseguimento dell’accordo e infine nello scorso marzo, quando la stampa locale riportava la dichiarazione di Lorenzana secondo cui il conflitto russo-ucraino non avrebbe avuto alcun effetto sul contratto in essere.

Resta adesso da capire quali saranno le risposte di Russian Helicopters e cosa accadrà con la quota di pagamento già emessa a suo tempo da Manila.

Foto Russian Helicopters

 

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password