Patrol Storm per gli alpini in Ungheria

a1e8fe6b-18aa-41a7-8c31-89e7f735c452ungheria (4)Medium

 

 

Si è conclusa nella tarda mattinata di oggi, per le Truppe Alpine dell’Esercito, un’intensa settimana dedicata all’integrazione delle capacità di combattimento con i contingenti dei Paesi Alleati operanti sul fianco sud-est dell’Alleanza Atlantica.

Nell’ambito della progressione addestrativa che porterà alla validazione del “Battlegroup” NATO in Ungheria gli uomini e le donne della Brigata Alpina Taurinense hanno condotto due differenti attività addestrative, un’esercitazione continuativa di 48 ore a partiti contrapposti denominata Patrol Storm, alla quale hanno partecipato i contingenti Italiano, Statunitense e Croato e una Fire Observer Concentration per personale addetto al controllo del fuoco terrestre proveniente dagli eserciti Ungherese, Italiano e Statunitense.

493f252c-1243-4331-af16-cd60ce107db9ungheria (3)Medium

Entrambe le attività, dall’elevato ritorno addestrativo, hanno avuto come obiettivo comune l’integrazione delle unità dei diversi contingenti, che hanno operato costantemente fianco a fianco, oltre che l’affinamento della conoscenza e della corretta applicazione delle tecniche, tattiche e procedure, standardizzate in ambito NATO.

In particolare, durante l’esercitazione “Patrol Storm”, alla quale ha partecipato insieme alla Compagnia Italiana anche un Plotone di Fanteria Americano e un Plotone della “Military Police” Croata, sono stati valutati, per i comandanti a tutti i livelli, aspetti quali la capacità di pianificazione e di gestione della funzione di comando e controllo nei confronti delle unità poste alle dipendenze, oltre alla capacità di combinare fuoco indiretto e ostacoli nell’ambito della conduzione di attività tattiche difensive e ancora la capacità di acquisizione di obiettivi nemici in ogni condizione ambientale.

1e1e105c-c9cd-43a8-915a-bd9fcc0d52c3ungheria (11)Medium

L’esercitazione denominata “Fire Observer Concentration”, sviluppata su 5 giorni di esercizi teorico-pratici, ha invece dato modo, a 30 osservatori del fuoco ungheresi, italiani e statunitensi, di standardizzare le procedure per l’osservazione, la richiesta e la gestione del fuoco terrestre erogabile mediante sistemi di artiglieria in dotazione alla NATO.

Le due importanti esercitazioni hanno permesso alla Compagnia Italiana costituita su base 3° Reggimento Alpini e rinforzata con componenti del Reggimento Nizza Cavalleria (1°), del 1° Reggimento Artiglieria da Montagna e del 32° Reggimento Genio Guastatori di accrescere ulteriormente le proprie capacità di combattimento in sinergia e costante integrazione con le unità dei Paesi NATO presenti in Ungheria.

Fonte: Stato Maggiore Difesa

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password