Leonardo consegna alla Guardia di Finanza il primo AW169M nella nuova configurazione

AW169M GdF (002)

 

 

Leonardo e la Guardia di Finanza hanno celebrato ieri la consegna del primo elicottero AW169M caratterizzato da una speciale configurazione con pattini. La consegna dell’elicottero, tenutasi presso lo stabilimento Leonardo di Vergiate (Varese), è stata celebrata nel corso di una cerimonia ufficiale alla presenza di rappresentanti dell’Azienda e dell’Operatore.

L’elicottero farà parte di una flotta di 24 unità, di cui sei con carrello fisso e 18 con pattini. Le consegne di tutti gli elicotteri saranno completate entro il 2024 e si aggiungeranno a una flotta di 20 AW139. Gli AW169M saranno impiegati per diversi compiti tra i quali pattugliamento in qualità di polizia del mare, controllo del territorio per esigenze di polizia economico-finanziaria, ordine pubblico, soccorso e altre missioni di sicurezza.

La Guardia di Finanza ha iniziato a ricevere l’AW169M, variante con certificazione militare dell’AW169, a partire dalla fine del 2019, contribuendo alla modernizzazione della sua flotta di aeromobili. Gli elicotteri della Guardia di Finanza sono dotati di una speciale configurazione comprendente verricello di soccorso, galleggianti e scialuppe di salvataggio, tagliacavi, avanzati sistemi di prossimità con il suolo e anticollisione, cockpit compatibile con l’uso di visore notturno, sistema di allarme di prossimità del suolo, avanzati sistemi di comunicazione, sistemi di diagnostica, faro di ricerca, rilevatore della presenza di ghiaccio, comunicazioni satellitari, rilevatore di telefoni cellulari, sistema iperspettrale per telerilevamento.

Inoltre, gli elicotteri sono equipaggiati con un’ampia gamma di sistemi e sensori forniti da Leonardo tra i quali il sistema di missione RW ATOS con una consolle avanzata, il radar di sorveglianza Gabbiano, il sistema elettro-ottico LEOSS, il transponder per identificazione amico/nemico IFF M428, il sistema anticollisione basato su tecnologia laser OPLS, sistemi di comunicazione V/UHF, pannelli di controllo e sistemi di illuminazione. Inoltre, con quest’ultima consegna vengono introdotte avanzate funzionalità dell’autopilota per compiti di ricerca e soccorso (SAR Mode – Search and Rescue) con un solo pilota a bordo secondo le regole del volo strumentale IFR (Instrument Flight Rules).

Le funzioni SAR permettono di guidare l’elicottero in modalità automatica lungo una rotta predefinita, ridudendo così il carico di lavoro del pilota durante questa fase critica della missione. L’AW169 è l’unico elicottero nella sua categoria di peso ad avere SAR Mode avanzati. Nota ai redattori sull’AW169M L’AW169M è la variante militare dell’elicottero bimotore di ultima generazione AW169, progettato secondo i più recenti requisiti FAR/JAR/EASA e gli standard degli operatori militari, di pubblica sicurezza e governativi. La macchina è caratterizzata da eccezionali livelli di potenza, agilità e manovrabilità, che forniscono straordinarie doti di controllabilità in un’ampia gamma di condizioni operative, anche in presenza di elevate temperature e in quota.

L’esclusivo design dell’impianto propulsivo permette di alimentare tutti i principali sistemi a rotori fermi (modalità APU – Auxiliary Power Unit) ottimizzando i tempi di risposta e la disponibilità operativa. La cabina è la più spaziosa della sua classe e assicura rapida riconfigurazione e facilità di ingresso e uscita. I piloti beneficiano di avionica di ultima generazione ad architettura aperta, comprendente un cockpit completamente digitale e livelli di visibilità esterna senza precedenti, assicurando consapevolezza tattica e operativa avanzata.

La flotta globale di AW169, con oltre 150 unità consegnate ad operatori in quasi 30 paesi, ha registrato oltre 135.000 ore di volo in tutti i tipi di operazioni e condizioni. Tra ordini e opzioni, sono oltre 320 gli elicotteri 2 AW169 richiesti in tutto il mondo, molti dei quali da operatori militari, forze dell’ordine e operatori di servizi di pubblica utilità per svolgere una vasta serie di missioni tra cui utility, sorveglianza, operazioni speciali, pattugliamento marittimo, ricognizione terrestre, addestramento, salvataggio e antincendio.

In Italia l’introduzione dell’AW169M tra Forze Armate e operatori di pubblica sicurezza, in sostituzione di diversi modelli in servizio ormai da tempo, permette anche di avvantaggiarsi di sinergie di tipo logistico, operativo, tecnico, certificativo e addestrativo in vista della progressiva crescita della flotta di AW169 dei vari operatori governativi nel Paese.

Questo aspetto rafforza la possibilità di effettuare operazioni congiunte efficaci e sicure con altri utilizzatori di questo moderno modello di elicottero e rappresenta un importante salto di qualità in termini di sicurezza nazionale, capacità di risposta alle emergenze e costo/efficacia per la gestione dell’intero ciclo di vita del prodotto per i prossimi decenni.

Fonte: comunicato Leonardo

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password