Obama rinuncia a chiudere Guantanamo

015649619_40100

Il Dipartimento di Stato ha chiuso l’ufficio incaricato della chiusura di Guantanamo, il carcere Usa nell’est di Cuba. Daniel Fried, l’alto funzionario che aveva il compito di studiare attuare la promessa fatta dal presidente americano Barack Obama all’indomani del suo primo insediamento, è stato assegnato ad altri incarichi e non sarà sostituito. Le responsabilità di Fried sono state assunte dall’ufficio legale del Dipartimento di Stato. Lo ha appreso il New York Times e secondo il giornale la decisione lascia presumere che l’amministrazione Obama non considera più una priorità realisticamente realizzabile la chiusura della prigione per sospetti terroristi istituita all’interno della base militare nell’isola di Cuba. Fried si occuperà d’ora in poi di sanzioni e questioni relative a Siria e Iran. L’incarico a Fried era stato affidato all’inizio del 2009 dopo la promessa di Obama di chiudere Guantanamo entro l’anno. L’alto funzionario aveva passato anni in giro per il mondo per valutare la possibilità di rimpatriare detenuti ”di basso livello” e convincere nazioni terze ad accoglierne altri che erano stati scagionati ma non potevano essere rispediti in patria. L’annuncio ha coinciso con la prima apparizione in tribunale da ottobre di Khalid Shaikh Mohammed e di altri quattro detenuti di Guantanamo che rischiano la pena di morte per il loro ruolo nelle stragi dell’11 settembre.

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password