Nuove rivelazioni sulle forniture di Su-35 alla Cina

SUKHOI1

Secondo l’agenzia Interfax in riferimento ad una fonte vicina al FSMTC (Servizio federale di cooperazione tecnico-militare), Russia e Cina potrebbero firmare il contratto per la fornitura di caccia avanzati Sukhoi Su-35 agli inizi del 2014. La consegna dei velivoli inizierebbe, sempre secondo la suddetta fonte, tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015 e inoltre sarebbe confermato il numero di 24 caccia Su-35 come specificato nel preliminare di contratto (e come ampiamente descritto su AD nr. 138 aprile 2013 in “Ancora  Su-35 per la Cina”).
Tuttavia, ad integrazione di quanto già scritto, pare che la parte cinese abbia avanzato alcune nuove richieste: si tratterebbe nel dettaglio di alcune modifiche in conformità con requisiti propri che la fonte in questione avrebbe però deciso di non svelare. Il Su-35 è un caccia di generazione “4++”, versione multiruolo del Su-27 dotato come tutta la famiglia dei Flanker, di capacità operative a lungo raggio. È spinto da due motori 117S con vettori di spinta TVC (thrust vector control) e combina un’elevata manovrabilità con la capacità d’impegnare in modo efficace diversi bersagli simultaneamente utilizzando, tramite i suoi 12 punti di aggancio esterni, un’ampia selezione di armi aria-aria e aria-terra. Ufficiali dell’Aeronautica dell’Esercito Popolare di Liberazione avrebbero mostrato interesse per la prima volta per questo caccia avanzato durante l’Airshow cinese del 2008; proprio in quell’occasione il Comandante capo delle forze aeree cinesi visitò lo stand dell’OKB Sukhoi e prese atto delle funzionalità avanzate del caccia multiruolo apprezzandone le sue prestazioni. La notizia circa l’intenzione della Cina di acquisire una serie di Su-35 è apparsa invece solo nel 2010.

Foto: Global military Review

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password