Arbitrato internazionale per gli AW-101 indiani

AgustaWestland-AW101-Helicopter-ZW-4301-Indian-Air-Force-022-600x200

L’India interrompe il contratto con Agusta Westland ma accetta che si ricorra all’arbitrato internazionale per risolvere la partita. Questa la decisione presa oggi dal Governo di New Delhi sulla commessa da 560 milioni di euro per 12 elicotteri, al centro di uno scandalo per presunte tangenti che ha portato alle dimissioni dell’ex numero uno di Finmeccanica Giuseppe Orsi. Una decisione che lascia quindi aperto l’intero dossier e che soddisfa la controllata del Gruppo di aerospazio e difesa, che vede accolta una propria richiesta. “Il Governo dell’India ha interrotto con effetto immediato l’accordo siglato l’8 febbraio 2010 per la fornitura di 12 elicotteri VVIP/VIP con la motivazione della trasgressione del Patto precontrattuale di integrità (Pcip) e dell’accordo stesso con Agusta Westland”, si legge nella nota ufficiale di New Delhi. Le autorità indiane fanno inoltre sapere l’intenzione che, sulla base dell’opinione ricevuta in precedenza dalla Procura generale dell’India, “le questioni legate all’integrità delle parti non siano soggette ad arbitrato”.

Il ministero della Difesa indiano ha quindi nominato l’ex giudice della Corte Suprema B.P. Jeevan Reddy come arbitro per la sua parte. AgustaWestland aveva già annunciato il 20 novembre scorso di aver nominato come proprio arbitro l’ex giudice della Corte Suprema ed ex presidente dell’Alta Corte del Kerala, B.N. Srikrishna. Finmeccanica, contattata sulla notizia, fa sapere di non aver ancora ricevuto alcuna comunicazione ufficiale formale e ribadisce la “correttezza dei propri comportamenti” e che “intende in ogni caso far valere le proprie ragioni in ogni sede competente”. Fonti vicine al Gruppo evidenziano comunque che si tratta di “non di una cancellazione, ma di un’interruzione con ricorso all’arbitrato”, che rappresenta un “successo” per Agusta Westland, che aveva ripetutamente avanzato questa richiesta. E’ da oltre un anno che la commessa è al centro di una querelle, che ha portato l’India a congelare i pagamenti nel febbraio 2013.

Nell’ambito della commessa, vinta da Agusta Westland nel febbraio 2010, l’azienda ha al momento consegnato 3 elicotteri, già in servizio con l’aviazione indiana (altri 3 sono pronti alla consegna e 6 in diverse fasi di lavorazione). Come aveva segnalato nei giorni scorsi Analisi Difesa il capo di stato maggiore dell’aeronautica indiana, N.A.K. Browne, ha sottolineato che l’AW-101  “rappresenta esattamente quello che la forza aerea desidera”.

 
(con fonte Ansa)

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password