Eastwood racconta Chril Kyle, “american sniper'

immpg1

di Francesco Gallo – ANSA
Clint Eastwood racconta una leggenda, anzi ‘la leggenda’ come gli americani hanno chiamato Chris Kyle il tiratore scelto più letale di tutta la storia militare degli Stati Uniti (166 morti accertati, 255 presunti). Lo fa con un film, American Sniper con Bradley Cooper nei panni del cecchino, che sarà nelle sale dal 1 gennaio 2015 con la Warner Bros. Un film crudo sullo spirito della guerra la più crudele possibile: quella che ti fa vedere la tua vittima nei particolari in un mirino prima di darle la morte.

Kyle, U.S. Navy SEAL, è stato inviato in Iraq ben quattro volte. Tornato a casa soffrì, come tanti Rambo in pensione, di disturbo post-traumatico da stress (PTSD): riuscì a uscirne, e nel 2012 raccontò tutta la sua storia in un’autobiografia (American Sniper) che ha venduto più di un milione di copie.

Ma quei pericoli che aveva scampato in zona di guerra Kyle, li dovrà affrontare con un suo commilitone, Eddie Ray Routh, sofferente degli stessi suoi disturbi. Le loro due storie si incrociarono il 2 febbraio del 2013.   Durante la guerra, Kyle era arruolato nel Team 3 dei Navy SEAL, il corpo speciale della marina militare americana. Per i combattenti iracheni era uno dei nemici più odiati (i ribelli iracheni misero su di lui una taglia di 80 mila dollari).

Soprannominato al-Shaitan Ramadi (il diavolo di Ramadi), dal nome della città – vicino a Baghdad – dove Kyle era in forze, ebbe come primo bersaglio una donna che avanzava verso uno degli avamposti a Nasiriyya (marzo 2003) tenendo un bambino per mano e una granata nell’altra mano (come si vede nel trailer del film).

Allo stesso tempo, combatte un’altra battaglia in casa propria nel tentativo di essere  un buon marito e padre nonostante si trovi dall’altra parte del mondo.

Di fatto il cecchino dei miracoli, tornato a casa dalla moglie, Taya Renae Kyle (Sienna Miller), e dai figli, scopre che per lui i problemi non sono affatto finiti.    Nel cast del film, oltre a Cooper (nominato all’Oscar due volte per ‘Il Lato Positivo’ e per ‘American Hustle’) e Sienna Miller troviamo: Jake McDorman, Luke Grimes, Navid Negahban e Keir O’Donnell.

Il premio Oscar Clint Eastwood ha utilizzato la sceneggiatura di Jason Hall eScott McEwan, basata dal libro dello stesso Chris Kyle, per diciotto settimane sulla lista dei best seller del New York Times e 13esimo nella posizione dei numero uno.

Guarda Il trailer

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password