24 MI-28NE DUAL CONTROL PER LA VKS RUSSA

mi28_algeriesolidaire_net_

Alla fine dello scorso mese il Ministero della Difesa russo ha annunciato all’agenzia Interfax di aver ordinato per conto della Forza Aerospaziale (VKS) 24 elicotteri d’attacco Mil Mi-28UB a doppio comando.

Il contratto per gli “Havoc” da addestramento fa parte di un accordo più ampio firmato tra il vice ministro della Difesa Yuri Borisov e il Direttore Generale di Russian Helicopters Alexander Mikheyev comprendente anche due elicotteri da trasporto pesante Mil Mi-26 “Halo”.
Secondo l’annuncio e in base ai termini del contratto l’ordine dovrà essere completato entro la fine del 2018.

Come già ampiamente trattato lo scorso mese a proposito degli esemplari dual control ordinati dall’Algeria, questa versione è essenzialmente identica alla versione Mi-28N/NE ma si differenzia per l’uso del controllo duplicato che permette ad entrambi gli ufficiali in cabina di prendere il controllo del velivolo; inoltre il pozzetto posteriore è stato ampliato per migliorare la visibilità dell’istruttore o del tirocinante.

Dunque rimangono praticamente inalterate le capacità di combattimento dell’elicottero in questione.

A proposito della flotta ad ala rotante della VKS, anche se non sono stati resi noti i numeri finali è noto che la VKS sta programmando l’acquisizione di 60 Mi-28UB entro il 2020, così come è in programma l’aumento graduale della flotta di Ka-52 e Mi-35 al fine di far cessare dal servizio operativo i vecchi Mi-24.

I vertici militari non hanno rivelato nulla invece circa le intenzioni di aggiornare o meno i 100 Mi-28N in servizio alla versione a doppio controllo o se diversamente, gli stessi verranno lasciati nella configurazione originale.

Secondo fonti della Difesa russa l’Algeriae l’Iraq hanno ordinato rispettivamente 40 e 4 Mi-28NE Dual Control per le proprie forze armate (nel dettaglio, Baghdad avrebbe ordinato un totale di 19 “Havoc”, di cui 15 nella versione tradizionale).

Infine Russian Helicopters sta sviluppando una variante aggiornata del Mi-28N, designata Mi-28NM (‘M’ sta per modernizirovanny – modernizzato), che è certamente basata sul Mi-28UB ma è dotata di sistemi avanzati di disturbo, nuove armi guidate e una nuova suite avionica.

Foto: Russian Helicopters e VKS

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password