MIL MI-35M PER LA FORZA AEREA NIGERIANA

Mi-35M.

In occasione del Salone AAD-2016 Africa Aerospace & Defence Expo, Anatoly Punchuk, Direttore aggiunto del Servizio federale russo per la cooperazione tecnico-militare, ha dichiarato all’agenzia RIA Novosti che la Nigeria ha acquistato un numero imprecisato di elicotteri multiruolo Mil Mi-35M da utilizzare nella lotta contro il gruppo terroristico islamico di Boko Haram e per la protezione degli impianti petroliferi nazionali.

A specificare il numero esatto di velivoli è stato successivamente l’Air Marshal Sadique Abubakar comandante della Nigerian Air Force, che all’emittente televisiva locale “Nta” ha dichiarato che il suo paese avrebbe acquistato 12 nuovi Mi-35M dotati di missili guidati.

Il contratto del valore di 150 milioni di dollari prevede che i primi elicotteri saranno consegnati al paese africano entro la fine dell’anno in corso e che le consegne si concluderanno entro la fine del 2018.

Alla data odierna le Forze Aeree nigeriane gestiscono circa 10 Mi-24/35 di cui sei Mi-35 ordinati nel 2014, sei Mil Mi-17 acquistati nel 2014 e un numero imprecisato di elicotteri utility e assalto Mil Mi-17AMTSh ordinati invece lo scorso anno.

Il Mi-35M è una versione export aggiornata e radicalmente modificata del Mi-24VM la cui produzione ha avuto inizio nel 2005.

Questa versione dell’Hind (che si distingue dal Mi-24 per un carrello esteso fisso, semiali più corte e un’elica anticoppia a X) può volare in missioni di combattimento giorno e notte e in qualsiasi area geografica con condizioni climatiche critiche “hot and high”.

E’ dotato di avanzate armi ad alta precisione e può essere utilizzato per distruggere bersagli corazzati, per fornire supporto aereo per operazioni di terra o per missioni di attacco al suolo; tuttavia la sua estrema versatilità lo rende perfettamente idoneo anche in missioni di evacuazione sanitaria o come elicottero da trasporto di carichi in cabina o mediante l’uso di un gancio esterno.

Il Mi-35M è attualmente in servizio nelle forze armate di Russia, Venezuela, Brasile, Iraq, Azerbaigian, Nigeria e recentemente è stato ordinato dal Pakistan, mentre un interesse è stato formulato dall’Afghanistan, alla ricerca di finanziamenti internazionali per concretizzare il contratto.

Foto: Russian Helicopters e Sputnik

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password