Libia: al-Sarraj in caduta libera anche sul fronte petrolifero

Fayez Mustafa al-Sarraj, Chairman of the Presidential Council of Libya and prime minister of the Government of National Accord of Libya, speaks during the High-level plenary meeting on addressing large movements of refugees and migrants in the Trusteeship Council Chamber during the 71st session of the United Nations in New York September 19, 2016.
A summit to address the biggest refugee crisis since World War II opens at the United Nations on Monday, overshadowed by the ongoing war in Syria and faltering US-Russian efforts to halt the fighting. World leaders will adopt a political declaration at the first-ever summit on refugees and migrants that human rights groups have already dismissed as falling short of the needed international response.
 / AFP PHOTO / TIMOTHY A. CLARY

Abbandonato dalle principali tribù, il premier libico riconosciuto dalla comunità internazionale Fayez al-Sarraj e il suo governo di unità nazionale (GNA) sono in difficoltà anche con la Compagnia petrolifera nazionale (NOC) che tiene i cordoni della borsa degli incassi dall’export di greggio, attualmente unica fonte lecita di valuta della Libia.

Mustafa Sanalla presidente della NOC, ha criticato il GNA per aver deciso di chiudere il ministero del petrolio e aver tagliato la produzione, in quello che ritiene un abuso di giurisdizione ai danni della NOC. Sanalla ha dichiarato che al-Sarraj sta “oltrepassando la sua autorità”, riferendosi al recente provvedimento governativo che assegna al primo ministro (cioè a sè stesso) – e non a Sanalla – la gestione dei contratti, degli investimenti, dei progetti e dell’offerta petrolifera, lasciando al NOC solo un ruolo di esecutore dei piani governativi.

Il capo della NOC ha chiesto ufficialmente di ritirare il provvedimento con cui al-Sarraj ha cercato di incassare direttamente proventi dell’export di greggio che attualmente la compagnia gestisce dai terminal posti sotto il controllo delle truppe di Haftar nella cosiddetta “Mezzaluna petroliera”

Del resto Sanalla è considerato un personaggio super partes, che gode del rispetto di tutte le parti in conflitto e che ha lavorato molto in questi mesi per attrarre nuovamente la fiducia degli investitori internazionali. Il tentativo di esautorarlo non si è rivelato un buon affare per al-Sarraj, ormai sempre più isolato.

Non a caso a sostegno di Sanalla si sono espressi i cinque ambasciatori dei Paesi con seggio permanente al Consiglio di Sicurezza Onu, dichiarando congiuntamente che “l’infrastruttura petrolifera, la produzione e i ricavi da esportazione appartengono al popolo libico e devono rimanere sotto l’amministrazione della NOC. Gli ambasciatori ritengono che l’appropriazione politica della compagnia petrolifera nazionale sia un ostacolo alla pacificazione del Paese.

Di fatto ormai l’uomo su cui conta Roma per stabilizzare la Libia e fermare i flussi di immigrati illegali verso l’Italia non sembra godere più neppure dell’appoggio delle Nazioni Unite che avevano creato il suo governo.

Foto Askanews

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password