Cyber sorveglianza: vendite controverse per BAE Systems

images

Il gigante britannico della difesa BAE Systems avrebbe venduto tecnologie altamente sofisticate di sorveglianza su larga scala in Medio Oriente, nello specifico in Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Oman, Marocco e Algeria.

È quanto emerge da un’indagine della BBC Arabic e di un quotidiano danese che riportano che tra gli affari conclusi, completamente legali, sarebbe incluso anche un software di decriptazione che potrebbe essere utilizzato contro il Regno Unito.

Le preoccupazioni destate da questi scambi commerciali, sottolineano le testate, arrivano da più fronti: i sostenitori di diritti umani e gli esperti di sicurezza hanno spiegato come queste tecnologie potrebbero essere sfruttate soprattutto dai governi più repressivi per spiare milioni di persone, ostacolare ogni segno di dissenso e mettere in pericolo la sicurezza nazionale della stessa Londra.

L’indagine è iniziata nella piccola città danese di Norresundby, sede di ETI, società specializzata in apparecchiature di sorveglianza high-tech. ETI ha sviluppato un sistema chiamato Evident, che ha permesso ai governi di effettuare una sorveglianza di massa delle comunicazioni dei loro cittadini. Un ex dipendente che ha preferito rimanere anonimo ha descritto alla BBC come Evident ha funzionato in passato e come funziona tuttora.

“[Con tale sistema un governo] è in grado di intercettare qualsiasi traffico internet”, ha detto. “Se voleste controllare un intero Paese, potreste farlo. Potreste identificare la posizione delle persone in base ai dati dei cellulari, potreste seguire le persone in giro. Ci sono stati enormi progressi per quanto riguarda il riconoscimento vocale”, e anche sul versante della “decriptazione”.

Un primo cliente del nuovo sistema è stato il governo tunisino. La fonte ha confessato che l’allora presidente Ben Ali avrebbe usato Evident per contrastare i suoi oppositori fino alla sua deposizione nel gennaio 2011 durante la prima rivolta popolare della primavera araba.

Nel 2011, BAE ha acquistato ETI e la società è entrata a far parte della BAE Systems Applied Intelligence. Tutte le vendite di Evident sono state interamente concesse legalmente sotto licenza di esportazione del governo danese, rilasciata dalla Danish Business Authority.

La BAE Systems nel Regno Unito ha rifiutato una richiesta della BBC per un’intervista sul tema, dicendo che è contro la politica aziendale a commentare contratti specifici. Ma in una dichiarazione scritta la società ha spiegato: “BAE lavora con un certo numero di organizzazioni in tutto il mondo nell’ambito del quadro normativo di tutti i Paesi più rilevanti e dei nostri responsabili principi di negoziazione”.

Durante l’inchiesta della Bbc, sarebbe però emerso anche che le vendite di Evident potrebbero avere un impatto disastroso sulla sicurezza nazionale del Regno Unito. Una versione più aggiornata del sistema presenta infatti una funzionalità in grado di decrittare le conversazioni, ossia consente agli utenti di leggere alcuni tipi di comunicazioni anche se sono state crittografate.

La BBC ha ottenuto uno scambio email avvenuto nel 2015 tra le autorità britanniche e quelle danesi relativo all’esportazione di tale sistema, nel quale Londra esprimeva preoccupazione per questa capacità, con riferimento ad una vendita agli Emirati Arabi Uniti.

Nonostante le obiezioni britanniche, le autorità danesi avevano approvato l’esportazione del prodotto. Il ministero degli Esteri danese ha rifiutato di essere intervistato, ma ha affermato che l’Autorità danese di affari non concederebbe mai un’autorizzazione all’esportazione se uno Stato membro dell’Ue esprimesse serie preoccupazioni in materia di sicurezza.

Gli esperti della difesa sostengono che in un momento in cui Paesi in tutto il mondo affrontano un aumento delle minacce terroristiche, esiste una giustificazione chiara per le vendite . “È un compromesso” dice Jonathan Shaw, Ex capo della Cyber-Security al Ministero della Difesa britannico. Secondo un rapporto del 2016 dell’Home Office del Regno Unito, la tecnologia di sorveglianza di massa ha svolto un ruolo significativo in tutte le principali indagini contro il terrorismo nell’ultimo decennio”.

Fonte Cyber Affairs

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password