Quanti sono i russi morti in Siria?

latest sat image 15 Jul 2017 shows 33 jets at the Russian Air Base in Latakia 11 Su-24, 3 Su-25, 3+6 Su-2735, 4 Su-30 and 6 Su-34

Il portavoce del ministro della Difesa russo, il maggiore Igor Konashenkov, ha respinto ieri le affermazioni della Reuters sul numero di militari russi uccisi in Siria. L’agenzia di notizie britannica ha riferito che il “numero di morti tra soldati russi e contractor privati è di almeno 40” nei primi sette mesi dell’anno (10 militari e una trentina di contractors), in proprzione più dei caduti regiistrati nei primi 15 mesi di intervento russo nel paese mediorientale che prese il via a fine settembre 2015.

“Non è la prima volta che l’agenzia britannica Reuters cerca in tutti i modi possibili di screditare l’operazione della Russia per eliminare i terroristi dell’Isis e riportare la pace in Siria” ha detto Konashenkov aggiungendo che non esistono in Siria tombe segrete di uomini appartenenti alle forze armate russe

Il Cremlino però non esclude che in Siria possano esserci volontari provenienti dalla Russia, ma sostiene che non hanno niente a che vedere con le forze regolari di Mosca ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov.

“Se in Siria ci sono dei cittadini russi come volontari o simili – ha aggiunto il portavoce del Cremlino – ciò non riguarda lo Stato. Bisogna chiedere alla Reuters – ha concluso – da dove prende queste informazioni e che fonti ha”.

Per quanto riguarda i soldati russi morti nel paese mediorientale bisogna invece usare i dati ufficiali del ministero della Difesa che confermano 34 militari caduti fino al 10 luglio scorso, 11 solo quest’anno mentre i contractors uccisi sarebbero almeno 62 di cui 22 nel 2017.

Immagini satellitari scattate il 15 luglio della base aerea di Hmeymim (Latakya) hanno fornito un dato di massima circa la presenza di velivoli russi in Siria.

A bordo pista si riconoscono 33 jet: 11 Su-24, 3 Su-25, 9 Su-27/35, 4 Su-30 e 6 Su-34. Un dispositivo aereo poderoso che sta supportando l’avanzata delle truppe siriane e alleate soprattutto nell’est ancora in mano all’Isis.

Foto Jane’s

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password