Rinnovo e novità per l’operazione Ue antipirateria Atalanta

DSCF2156

L’Unione Europea ha esteso il mandato dell’operazione di sicurezza marittima Atalanta al largo del Corno d’Africa fino al 31 dicembre 2020.  Il 30 luglio la forza navale dell’Unione europea (EU Navfor) ha dichiarato che l’estensione del mandato segnala l’impegno dell’UE a continuare le operazioni contro la pirateria al largo delle coste somale.

“Inoltre, la continua protezione della navigazione vulnerabile dà fiducia al Programma Alimentare Mondiale nel fornire aiuti vitali alla Somalia. Questa estensione del mandato è un approccio standard che consente all’UE di riesaminare regolarmente le sue operazioni e di estenderle a seconda delle esigenze”.

EUNavfor_warships_400x300

In seguito alla decisione del Regno Unito di recedere dall’UE, la sede operativa dell’UE Navfor (OHQ) si trasferirà da Northwood (Regno Unito) a Rota (Spagna) entro il 29 marzo 2019. Allo stesso tempo, il Centro di sicurezza marittima del Corno d’Africa (MSCHOA) si trasferirà a Brest (Francia) e rimarrà sotto il comando e controllo Navfor OHQ dell’UE.

Il comandante operativo, il maggiore generale Charlie Stickland, ha dichiarato: “La transizione è stata pianificata con la massima attenzione per garantire che sia agevole e senza interruzioni grazie alla cooperazione e collaborazione continuate con tutte le parti interessate in tutta la regione”.

Il Generale Stickland ha anche detto sull’annuncio del prossimo Operational Commander: “Sto già lavorando a stretto contatto con il Vice Ammiraglio Antonio Martorell Lacave e il mio ruolo è garantire che questa operazione rimanga un esempio CSDP e che il mio successore sia impostato per il successo continuo. ”

nave Etna in navigazione vicino mercantile2

Il Vice Ammiraglio Antonio Martorell Lacave della Marina spagnola sarà il nuovo comandante dell’operazione dal marzo 2019.

La missione è attualmente supportata da 19 nazioni UE e due nazioni partner, con aerei e navi da guerra provenienti da Spagna, Italia e Germania e distaccamenti di protezione autonomi di Lituania, Croazia, Serbia e Montenegro con elementi di supporto schierati a Gibuti e una rete di ufficiali di collegamento in tutti gli Stati della regione.

L’UE il 30 luglio ha anche stanziato un budget di 11,77 milioni di euro per i costi comuni dell’operazione per il periodo dal 1 ° gennaio 2019 al 31 dicembre 2020. L’operazione navale UE Atalanta contribuisce alla dissuasione, prevenzione e repressione di atti di pirateria e rapine a mano armata al largo delle coste somale.

nave Etna in navigazione vicino mercantile

Secondo l’International Maritime Bureau (IMB), la pirateria al largo della Somalia è da tempo in declino: nel secondo trimestre del 2018 non sono stati segnalati incidenti registrati al largo delle coste della Somalia.

Tuttavia, l’IMB chiede di mantenere alta la guardia in quanto ci sono stati incidenti nel primo trimestre del 2018.

Una nave cisterna è stata attaccata e inseguita da due imbarcazioni a circa 160 miglia nautiche da Hobyo e, alla fine di marzo, una petroliera da 160.000 tonnellate ha riferito di essere stata attaccata nel Golfo di Aden mentre transitava all’interno del Corridoio di Transito di Sicurezza Marittima.

Royal Marines raiding craft from Fleet Contingency Troop (FCT), Fleet Protection Group Royal Marines (FPGRM) boarding and searching a Somalian Pirate Vessel. RFA Fort Victoria is pictured in the background. The Pirates were later taken onboard RFA Fort Victoria for repatriation and the vessel was destroyed.

Episodi che confermano come i pirati somali (che in giugno hanno rilasciato quattro pescatori iraniani catturati tre anni fa) mantengano la capacità e l’intenzione di attaccare la navigazione mercantile nell’Oceano Indiano.

Altri dati, diffusi dall’organizzazione Oceans Beyond Piracy (OBP) avevano denunciato che l’attività dei pirati al largo dell’Africa orientale è raddoppiata nel 2017 rispetto all’anno precedente. Nel 2017 l’OBP ha registrato un totale di 54 incidenti nella regione dell’Oceano Indiano Occidentale, con un aumento del 100% rispetto al 2016, che aveva visto 27 incidenti che includevano un dirottamento, tre rapimenti di membri di equipaggi, tre rapine a bordo dei mercantili, 15 attacchi falliti e 32 episodi di sospetta pirateria.

Episodi comunque marginali rispetto al boom dei sequestri di navi registratosi tra il 2008 e il 2012.

Foto: Royal Navy, Operazione Atalanta e Marina Militare Italiana

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password