Sbloccata la missione italiana in Niger

misin_niger

“Ce l’abbiamo fatta: dopo 8 mesi di impasse abbiamo sbloccato la missione in Niger per il controllo dei flussi migratori!”. Ad annunciarlo con un post facebook è il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta.

“L’ Italia entrerà in pieno supporto del governo nigerino e assisterà le autorità’ locali attraverso delle unità di addestratori, uomini e donne delle Forze armate con alte specialità e professionalità, articolati in ‘ Mobile training teams’ che formeranno le forze nigerine al fine di rafforzare il controllo sul territorio. Tutto questo, seguendo ovviamente le esigenze, le richieste e le necessità di Niamey.

3c674b2e-452a-4d3d-adc7-a2f3e8cee30102Medium

Nello specifico, l’obiettivo sarà arginare, insieme, la tratta di esseri umani e il traffico di migranti che attraversano il Paese, per poi dirigersi verso la Libia e in definitiva imbarcarsi verso le nostre coste”.

“Si tratta di un grandissimo risultato di questo governo – sottolinea il ministro – dopo mesi e mesi di immobilismo durante il quale, l’Italia, ha tuttavia continuato a dare il suo supporto alla popolazione sul piano umanitario, inviando medicinali (l’ultima donazione, 5 tonnellate di farmaci, presidi medici e un potabilizzatore d’acqua, era gunta a Niamey il 19 settembre). “Ringrazio l’esecutivo nigerino e lo ringrazierò di persona ad ottobre, quando avrò il piacere di ricevere il mio omologo, il ministro della Difesa, a Roma”.

L’annuncio del ministro mette fine a 10 mesi di impasse in cui 42 militari italiani guidati dal generale di brigata Antonio Maggi sono rimasti nella base statunitense all’aeroporto di Niamey in attesa del via libera ad attuare la missione addestrativa che Niamey ha più volte negato di aver chiesto a Roma.

170717115538-01-cnn-niger-agadez-imgl8960-super-169

Un atteggiamento dietro al quale si è probabilmente celata la resistenza di Parigi che avrebbe voluto il contingente italiano pronto a combattere i jihadisti (non solo ad addestrare i militari nigerini) e posto sotto il comando francese dell’Operazione Barkhane.

Il contingente italiano invece sarà indipendente dalla missione francese anti jihadisti e opererà nella base statunitense dell’aeroporto della capitale.

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Stampa i primi 3 team di addestratori, una trentina di militari in tutto, sono già a Niamey da qualche giorno. Uomini e donne dell’Esercito, dell’Aeronautica e dei Carabinieri che hanno il compito di addestrare le forze di sicurezza nigerine di Esercito, Aeronautica e Gendarmeria.

foto-3-002-360x245

L’addestramento impartito alle forze africane non può però essere collegato direttamente al presidio dei confini e alla lotta ai trafficanti di esseri umani.

Le forze italiane sono infatti schierate nella capitale, a oltre mille chilometri dal confine libico e non è detto che i reparti addestrati vengano poi dispiegati in quel settore dove la presenza militare, nigerina e francese, è incentrata sulla base di Fort Madama.

Anche in base alle precedenti dichiarazioni rese dal ministro Trenta in Parlamento, il via libera di Niamey alla missione è stato favorito dalla decisione italiana di  ridimensionare la MISIN per renderla meno visibile sul terreno, limitando il contingente forse a un centinaio di effettivi rispetto agli oltre 400 militari previsti inizialmente.

Foto: Ministero Affari Esteri e Difesa.it

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password