La portaerei Charles de Gaulle pronta a tornare operativa

porte-avions-charles-de-gaulle-naval-group

Naval Group ha ultimato i lavori di mezza vita della portaerei francese Charles de Gaulle. L’azienda cantieristica è stata l’appaltatore principale per i lavori di ammodernamento dell’ammiraglia della Marina francese progettata e costruita da Naval Group ed entrata in servizio nel 2001.

macron-sur-le-porte-avions-charles-de-gaulle-en-attendant-son-successeur-1315796

“Il refitting ha incluso ristrutturazioni senza precedenti e una densità di lavoro che ha dato al progetto un livello di complessità mai visto fino ad ora. Questa vera sfida industriale ha richiesto un’organizzazione eccezionale per ottenere il coordinamento in tempo reale dell’intero progetto” sottolinea Naval Group.

“Siamo orgogliosi di aver completato questo eccezionale progetto al servizio della Marina francese entro i termini imposti. Desidero ringraziare in particolare i nostri clienti, la DGA (Direzione Generale dell’Ammement) e la SSF (Service du Soutien de la Flotte), che ci hanno affidato la responsabilità del primo contraente generale.

Questo successo è il frutto di uno sforzo collettivo reso possibile dall’impegno dell’equipaggio della portaerei, delle squadre di Naval Group, dei principali produttori di apparecchiature originali del settore della difesa come Technicatome, Thales o Safran, le società generaliste e le PMI provenienti principalmente dal tessuto industriale locale e regionale ” ha dichiarato Nathalie Smirnov, Senior Vice Président Services di Naval Group.

cdg-20170415

L’approfondita ristrutturazione della portaerei Charles de Gaulle è stata eseguita per garantire i livelli tecnologico e di prestazione operativa della nave per i prossimi 25 anni.

Questo refit si è concentrato su tre grandi sfide. In primo luogo, la modernizzazione del sistema di combattimento, in particolare con la modernizzazione del sistema tattico, il cervello che gestisce i sensori e le armi, l’installazione di nuove reti digitali, la sostituzione completa della Sala di controllo, il rinnovamento dei sistemi di telecomunicazione, la sostituzione dei radar di ricerca aerea e navigazione.

In secondo luogo, la modernizzazione degli impianti di aviazione copriva tutte le modifiche necessarie per passare a una configurazione “tutta – Rafale”: modifica e rinnovo degli spazi aerei, ristrutturazione o sostituzione di sistemi di atterraggio.

refonte-cdg-20181108

La terza sfida di questo refit riguarda il rinnovamento della piattaforma, ovvero, tra l’altro, l’ammodernamento dei PLC di controllo dell’imbarcazione, il rinnovo del sistema automatico di stabilizzazione e controllo dello sterzo, la sostituzione di due unità del sistema di raffreddamento dell’imbarcazione, ma anche il refit del simulatore di controllo.

Oltre a questo rinnovamento, i lavori di metà vita della Charles de Gaulle comprendeva anche il supporto durante la vita operativa dell’unità. Questo aspetto del progetto riguardava essenzialmente la manutenzione di grandi impianti: l’ispezione dei due reattori nucleari e la sostituzione dei loro elementi di combustibile, la manutenzione della centrale elettrica, la manutenzione del sistema di propulsione, l’ispezione delle catapulte, linee d’asse e pinne stabilizzatrici, e la verniciatura dello scafo e della parte superiore sott’acqua.

590x378_emmanuel-macron-interviewe-gilles-bouleau-porte-charles-gaulle-14-novembre-2018

Questa la sintesi dei lavori effettuati dal “Team France” riunendo la DGA, la Marina francese, la SSF, l’equipaggio della portaerei e gli attori dell’industria francese.

  • 18 mesi di lavoro (a confronto: 4 anni per una portaerei statunitense)
  • Oltre 200.000 compiti eseguiti di cui il 50% dall’equipaggio
    • Oltre 4 milioni di ore di lavoro
  • In media 2.100 persone hanno lavorato ogni giorno: 1100 membri dell’equipaggio, 1000 dipendenti del Naval Group e i suoi 160 subappaltatori
  • 2000 test eseguiti
  • 5 anni di preparazione
  • Un budget di € 1,3 miliardi (contro i € 4,7 miliardi per una ben più grande portaerei statunitense)

661_afp-news_5cb_73b_c200dab3cfb7c92b74afbaa797_macron-a-bord-du-charles-de-gaulle-immense-fierte-pour-la-france_000_1AU4IK-highDef

La portaerei è entrata nel bacino di carenaggio nel febbraio 2017 lasciandolo a maggio 2018 e alla fine di luglio ha attraccato alla banchina operativa per le prove di accettazione. Ha quindi effettuato uscite in mare per le prove che devono essere eseguite in condizioni operative, con il supporto di altre unità della Marina francese.

Il termine ultimo di messa a disposizione della nave era il 16 ottobre 2018, al termine della completa ricertificazione dei sistemi.

Il 14 novembre, al termine dei test in mare, la portaerei è stata visitata dal Presidente Emmanuel Macron, che ha dormito a bordo dell’ammiraglia

(con fonte Naval Group e France Defence)

Foto Naval Group e AFP

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password