Dal Qatar blindati Storm per le forze del Mali

Storm_APCs_400x300_QatarMoD

Il Qatar ha donato 24 mezzi blindati trasporto truppe Storm all’Esercito del  Mali per aiutarlo a combattere i gruppi terroristici nell’area. I veicoli sono arrivati in Mali il 26 dicembre a bordo degli aerei da trasporto C 17 Globemaster III delle forze aeree del Qatar secondo quanto reso noto il giorno successivo dal ministero della Difesa di Doha.

I ruotati Storm saranno utilizzati dal Mali e dagli altri quattro paesi del gruppo del G5 Sahel (Burkina Faso, Ciad, Mauritania e Niger) e fanno parte del pacchetto di aiuti militari e finanziari promessi dall’emirato agli Stati del G5 Sahel.

I mezzi saranno utilizzati dalla forza multinazionale per combattere Boko Haram, e altri gruppi jihadisti della regione, specialmente in aree dove c’è un alto rischio di presenza di ordigni esplosivi improvvisati (IED). Gli Storm sono prodotti dalla società Stark Motors di Qatar, fondata nel 2017 come primo costruttore di veicoli blindati del paese arabo.

Storm-Three-Quarter-Close-Doors

Il veicolo è basato su un telaio Toyota Land Cruiser serie 79, alimentato da un motore V8 turbodiesel da 4,5 litri che sviluppa 195 CV. Può ospitare 6 o 8 militari più i 2 d’equipaggio. Secondo Stark Motors, il veicolo è blindato con una protezione di livello CEN B6 che protegge il motore, i fianchi, il tetto, il parabrezza, il sottoscocca e le porte.

La pavimentazione del mezzo è protetta dall’esplosione pari a quella di due granate tedesche DM t51. I veicoli consegnati al Mali hanno una dotazione di armi consistente in una mitragliatrice o un lanciagranate automatico sopra lo scompartimento delle truppe.

Secondo IHS Jane’s Defense Weekly, le Storms si uniranno ai veicoli in servizio con le forze del Mali: veicoli blindati BTR-60, BRDM-2 da ricognizione, trasporto truppe Arquus Bastion e un mix di almeno 10 Python e 4 Gladiator realizzati dallo Streit Group i cui ultimi esemplari sono stati consegnati nel maggio scorso.

Il G5 Sahel ha creato una task force militare per sradicare la violenza jihadista. L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno accettato di fornire circa 150 milioni di dollari alla forza costituita dal G5 Sahel.

Fonte: Defenceweb

Foto: Ministero della Difesa del Qatar e Stakl Motors

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password