Washington ammonisce gli alleati che apriranno alle tecnologie cinesi 5G

382A7BDE-DB85-4449-8B41-6B009FFB7357_w408_r0_s

I Paesi dell’Alleanza Atlantica che non terranno fuori la Cina dal 5G potranno rischiare di perdere la possibilità di integrare le proprie forze armate con quelle americane.

L’avvertimento – che rinforza quanto detto nei giorni scorsi dal segretario di Stato Mike Pompeo circa i rischi legati all’information sharing per i Paesi che cederanno alle sirene di Pechino – arriva stavolta dal generale Curtis Scaparrotti (nella foto sotto), comandante dello US European Command e Comandante supremo delle forze NATO in Europa.

5c7f3992a3106c65fffdb30a

Audito dalla Commissione Forze armate del Senato, Scaparrotti ha chiarito che Washington chiede agli alleati di garantire nel Vecchio continente una capacità di rete sicura. E questo, per gli Stati Uniti, significa tenere fuori dalle infrastrutture colossi cinesi come Huawei e Zte, sospettate oltreoceano di costituire un veicolo di spionaggio a vantaggio della Repubblica Popolare.

L’alto ufficiale ha anche rimarcato il ruolo fondamentale che le reti mobili ultraveloci di quinta generazione – in grado di abilitare una serie di innovativi servizi legati perlopiù al vasto mondo dell’Internet delle Cose – ricoprirà anche nei confronti delle future capacità belliche occidentali. Un dato che, a detta del Comandante, non deve lasciare spazio a “leggerezze” da parte degli alleati.

La questione 5G è ritenuta dirimente da Washington, che sta conducendo una vera e propria campagna di sensibilizzazione globale nei confronti dei sui partner più stretti, soprattutto quelli che (come l’Italia) ospitano basi dell’Alleanza.

osce_picchi

All’inizio di questo mese, il segretario alla Difesa ad interim Patrick Shanahan ha dichiarato che le reti di telecomunicazioni che supporteranno il 5g sono infrastrutture vitali per la sicurezza degli Stati.

Mentre il segretario di Stato americano Mike Pompeo non si è limitato a parlare dei rischi, ma ha anche chiarito che gli Stati Uniti potrebbero non essere più disposti a condividere informazioni con qualsiasi Paese che utilizzerà reti “Made in Cina”.

In Italia il sottosegretario agli Esteri Guglielmo Picchi (Lega – nella foto siopra) ha sottolineato in un0’intervusra a Formiche.net la necessità di “una profonda riflessione sulla sicurezza delle nostre infrastrutture critiche. La nostra posizione non è di condanna preventiva, ma di un monitoraggio che ora entra nel vivo.

Non possiamo tollerare anomalie nella gestione dei dati dei cittadini e delle aziende italiane, né tantomeno l’interferenza di una potenza straniera nel nostro sistema Paese”.

Fonte Cyber Affairs

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password