Paracadutisti italiani e nigerini in addestramento congiunto a Niamey

29652e15-edfc-4fcf-b9f1-92427c24be91niger(11)Medium

Il 25 aprile, a completamento dell’iter formativo condotto dal Mobile Training Team della Missione Bilaterale di Supporto in Niger (MISIN), che ha avuto inizio lo scorso dicembre 2018, due sezioni del Battaglione Paracadutisti nigerino di stanza a Niamey hanno effettuato un’esercitazione di aviolancio con il paracadute ad apertura automatica.

81fd20fa-14cf-40c7-a5f8-2dbbcc9268b2niger(1)MediumIl giorno precedente un nucleo della Brigata Paracadutisti “Folgore”, in arrivo dall’Italia, si è aviolanciato utilizzando la tecnica della caduta libera ad apertura comandata ed effettuando anche un aviorifornimento di materiali.

Tra il personale della Brigata che ha preso parte ai lanci c’era anche il Comandante, generale di brigata Rodolfo Sganga.

Il giorno 25 aprile, alla presenza di numerose autorità, tra cui il Ministro della Difesa e il Capo di Stato Maggiore della Difesa della Repubblica del Niger si sono aviolanciati 72 Paracadutisti, di cui 55 nigerini e 17 italiani.

225414a0-eaa9-4792-8157-3782c709da9cniger(2)Medium

La Missione in Niger MISIN ha supportato la controparte nigerina anche nelle attività di definizione e validazione della zona di lancio, nonché a garantire assistenza e supporto per la pianificazione e l’organizzazione dell’attività addestrativa.

Al termine dell’attività aviolancistica, presso il Centro per l’Istruzione al Paracadutismo di Niamey, si è tenuta una cerimonia di scambio reciproco dei distintivi da paracadutista militare tra Italiani e Nigerini.

Le attività aviolancistiche per le Forze Armate nigerine sono riprese, dopo diversi anni, grazie al supporto della MISIN, comandata dal generale di brigata Antonio Maggi, che ha condotto i corsi di formazione specialistica a favore del Battaglione Parcadutisti nigerino.

9cd973fb-9e68-44a4-972d-18d66f5cb55aniger(9)Medium

L’attività è stata resa possibile anche grazie al contributo dell’Aeronautica Militare, che ha messo a disposizione un velivolo C130, e della Brigata Paracadutisti “Folgore” che ha fornito l’assistenza tecnica all’aviolancio, i paracadute e tutto il materiale necessario alla condotta dell’esercitazione.

Oltre a quest’ultima attività, i team addestrativi di Esercito Italiano, Aeronautica Militare e Arma dei Carabinieri della Missione in Niger, tra i quali figurano elementi delle Forze Speciali, hanno formato nell’ultimo trimestre 770 militari delle Forze di Difesa e Sicurezza nigerine.

Fonte: comunicato Stato Maggiore Difesa

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password