Migranti illegali: in un anno sbarchi in Italia in calo dell’80%

Libya Coast Guard

Tra l’1agosto 2018 e il 31 luglio 2019 sulle coste italiane sono sbarcati 8.691 migranti (di cui 1.119 minori non accompagnati), il 79,6% in meno rispetto ai 42.700 dello stesso periodo tra il 2017 e il 2018. Lo ha reso noto il Ministero dell’Interno nel “Dossier Viminale” divulgato ieri.

MMI

Sempre nell’ ultimo anno sono stati 94 gli scafisti arrestati (-55%), 4 i cadaveri recuperati nel Mediterraneo centrale (-95,2%) e 757 i presunti dispersi in mare (-55,3%, dato Unhcr).

Degli 8.691 migranti arrivati negli ultimi dodici mesi, il 36,8%risulta partito dalla Tunisia, il 22,3% dalla Libia, il 21% dalla Turchia, il 10,8% dalla Grecia e il 9,1% dall’ Algeria.

Sulla base di quanto dichiarato al momento dello sbarco, sono originari di Tunisia (26%), Pakistan (14%), Iraq (13%), Algeria (9%), Eritrea (6%), Costa d’Avorio (5%), Bangladesh (3%), Iran (3%), Sudan (2%) e Marocco (2%).

IFRONTEX

Nello stesso periodo i migranti illegali rimpatriati sono stati 6.862, lo 0,7% in meno rispetto ai 6.909 del periodo agosto 2017-luglio 2018; i rimpatri volontari assistiti sono stati 555, il 53,8% in meno rispetto ai 1.201 dell’anno precedente, un calo dovuto per lo più al fatto dall’inizio dell’anno l’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni (OIM) ha cessato di cooperare con il governo italiano proprio nella gestione dei rimpatri volontari assistiti.

. Al 31 luglio di quest’ anno, gli immigrati inseriti nel circuito dell’accoglienza sono 105.142, il 34% in meno rispetto all’ anno scorso: 110 in hotspot, 78.865 in centri di accoglienza e 26.167 nella rete Siproimi (exSprar).

Forte la riduzione dei costi, scesi dai 2,205 miliardi di euro del periodo agosto 2017-luglio 2018 ai 501,4 milioni di euro degli ultimi dodici mesi.

312cnosp_ferragosto1628

Le richieste d’asilo nell’ ultimo anno sono state 36.250, il 56% in meno rispetto ai dodici mesi precedenti; 97.410 le domande esaminate (+10,4%), con il riconoscimento dello status di rifugiato nel 10% dei casi, della protezione sussidiaria nel 6% e della protezione per motivi umanitari nel 6%.

Il 70% delle istanze sono state respinte, l’8% dei richiedenti sono risultati irreperibili o hanno rinunciato. Gli stranieri regolarmente residenti in Italia risultano essere 4.191.716 (l’1,8% in più), di cui 370.829 minori (-16%).

Sul fronte della lotta al terrorismo nell’ ultimo anno le espulsioni “per motivi di sicurezza dello Stato” sono state 109, una in più dell’anno precedente; 141 i foreign fighters monitorati (+ 4,4% rispetto ai 135 dei 12 mesi precedenti), 29 dei quali rientrati in Europa.

Sempre tra agosto 2018 e luglio 2019 i controlli antiterrorismo hanno riguardato 560.763 persone (+9,8%), 199.198 veicoli (+1,9%) e 322 motonavi (+1,9%). Sul fronte dell’eversione interna, sono stati arrestati 40 estremisti, 39 di area anarchica (+178,6%, erano stati 14 nei dodici mesi precedenti) e uno di area marxista/leninista.

Foto: Ministero dell’Interno, Marina Militare, Frontex e Guardia Costiera Libica

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password