Nasr 2019: prime attività addestrative per i reparti italiani in Qatar

qatar_190926

Sono iniziate, presso il poligono della base militare di Al Qailil in Qatar, le attività addestrative e di amalgama tra i reparti degli esrrciti italiano e qatarino in vista dell’esercitazione congiunta Nast 2019, pianificata nel gennaio scorso.

appiedamento e fase di attacco del plotone esplorante (002)

L’eserrcitazione vedrà la Brigata Garibaldi, e altri assetti dell’Esercito, sbarcati in Qatar alla vine di settembre,  addestrarsi con la 2a Brigata dellEsercito del Qatar.

Si tratta quindi di una complessa attività logistica tattica condotta da unità pesanti in ambiente desertico con l’impiego di Task Force pluriarma e Posti Comando che opereranno in maniera integrata in uno scenario di tipo convenzionale.

colonna mezzi da combattimento (002)

 Lo scopo principale dell’evento addestrativo, oltre a valutare le modalità di rischieramento nell’area del Golfo Persico di un dispositivo pesante dellì’Esercito Italiano con carri armati, obici semoventi, veicoli da combattimento cingolati e ruotati,  è innalzare il livello di integrazione e interoperabilità delle unità italiane e qatarine affinando sia le procedure da attuare a in ambito Posti Comando, sia i procedimenti d’impiego delle unità impegnate.

In particolare, alcune unità su base 1° e 6° reggimento bersaglieri e 4° reggimento carri, hanno avviato le prime attività di cooperazione e interoperabilità con la componente qatarina, impiegando Dardo, Ariete e Freccia in quello che è il più importante rischieramento di forze terrestri da combattimento italiane in uella regione dal ritiro del contingente “Antica Babilonia” schierato in Iraq tra il 2003 e il 2006.

iacarro ariete in esercitazione NASR - QATAR (7) (002)

Queste fasi iniziali hanno visto le forze dei due eserciti concentrarsi sullo sviluppo della capacità di impiegare simultaneamente più unità con assetti differenti, affinando le procedure di comando e controllo nonché testando i vari sistemi d’arma nell’arduo contesto climatico del deserto del Qatar, caratterizzato da notevoli escursioni termiche tra giorno e notte.

appiedamento e fase di attacco del plotone esplorante (2) (002)

I soldati dell’Esercito Italiano, dopo i primi giorni di acclimatamento, sono stati subito impiegati in un intenso ciclo di addestramento, confermando che gli standard fisici in possesso degli uomini e delle donne della Forza Armata consentono il rapido raggiungimento della piena capacità operativa anche in situazioni ambientali differenti.

esercitazione in poligono plotone carri a protezione della compagnia meccanizzata sullo sfondo (002)

L’esercitazione, per i prossimi 20 giorni, vedrà operare sul terreno circa 800 soldati italiani e 1400 soldati qatarini con il dispiegamento di 116 mezzi, tra carri “Ariete”, blindo “Centauro”, semoventi PZH 2000, lanciarazzi campali MLRS, veicoli 4×4 VTLM “Lince”, VTMM “Orso” e VBL “Freccia” oltre ad assetti di force protection e sorveglianza del campo di battaglia

(con fonte comunicato Esercito Italiano)

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password