Myasishchev converte un Antonov An-140-100 per la fotografia aerea

9_An-140_100_UAC (002)

Come anticipato sul nostro canale Telegram lo scorso mese la società russa di costruzione di macchine sperimentali Myasishchev facente capo alla United Aircraft Corporation (UAC), ha completato la modernizzazione e contestuale modifica di un velivolo da trasporto Antonov An-140-100 in aereo da ricognizione fotografica e rilievi cartografici.

L’An-140-100 avrebbe ottenuto presso gli stabilimenti della Myasishchev la necessaria conversione parziale della cellula e dei suoi sistemi di bordo oltre all’installazione di apposite attrezzature speciali che faciliteranno la mappatura aerea dell’area sottoposta a sorvolo.

Secondo la dichiarazione resa dalla UAC nel prossimo futuro il velivolo dovrà essere sottoposto a controlli specifici e iniziare i primi voli di prova. Durante le prove una serie di test completi dovrà essere eseguita in varie condizioni a terra e in volo per confermare la sicurezza e l’affidabilità della struttura, oltre che per assicurare l’operabilità delle apparecchiature installate.

La speciale variante dell’An-140-100 sarà in grado di condurre così una mappatura ad alta risoluzione degli spazi terrestri e marini sottoposti a scansione e rilevamento fotografico. Le foto che verranno scattate potranno poi essere utilizzate per creare mappe elettroniche e digitali e modelli spaziali e tridimensionali per differenti scopi d’uso.

Quasi certamente l’ingresso in servizio degli An-140-100 in versione speciale consentirà la radiazione degli Antonov-Beriev An-30 (Codice NATO “Clank”), uno specifico derivato dal velivolo da trasporto/passeggeri An-24 (Codice NATO “Coke”) utilizzato per la ricognizione e la cartografia aerea che a suo tempo mandò in pensione i vecchi Lisunov Li-2FK e Ilyushin Il-14FK.

L’An-30 opera ancora oggi nella Forza Aerospaziale russa ed è stato visto in volo sopra la Siria e nei compiti di ricognizione nell’ambito della missione internazionale Open Skyes.

 

 

 

 

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password