Grandi manovre della flotta di Pechino nel Mar Cinese meridionale

200610132459-china-aircraft-carrier-exlarge-169

La Cina ha dato inizio il 1° luglio a una grande esercitazione militare nel Mar Cinese meridionale. Le manovre, che dureranno fino al 5 luglio, si svolgono nelle acque attorno alle isole Paracel. Dati satellitari rivelano l’impiego di navi della Marina militare e della guardia costiera.

Pechino reclama la propria sovranità su quasi il 90% del Mar Cinese meridionale, dove ha occupato e militarizzato numerosi atolli e banchi coralliferi, scatenando le proteste di Vietnam, Filippine, Malaysia, Brunei, Taiwan e Indonesia.

1111

Il 27 giugno, i leader Asean (Associazione dei Paesi del sud-est Asiatico) hanno preso le distanze dalla Cina, affermando l’importanza della libertà di navigazione e sorvolo nella regione. In un chiaro riferimento alle azioni cinesi, essi hanno espresso preoccupazione per le “appropriazioni territoriali, le attività di sviluppo e i ‘seri’ incidenti” nelle acque contestate.

Pechino ha risposto dicendosi disponibile a riprendere i negoziati per la definizione di un codice di condotta per il Mar Cinese meridionale, ma senza indicare una data precisa. Nel frattempo, il gigante asiatico usa le esercitazioni in corso per mostrare la propria forza alle altre parti e imporre la propria sovranità nell’area. Analisti notano che le manovre militari nelle Paracel – rivendicate anche da Vietnam e Taiwan – hanno carattere anfibio, e simulano la conquista e il successivo controllo di un’isola dell’area.

Secondo resoconti di stampa, la Marina cinese condurrà una seconda esercitazione in agosto nei pressi delle isole Dongsha o Pratas (nella mappa qui sotto),  controllate da Taiwan ma situate 450 chilometri a sud dell’isola-Stato.

Dongsha

Per rafforzare le difese di questi atolli, sorvegliate al momento solo da unità della guardia costiera taiwanese, il governo di Tsai Ing-wen ha inviato nei giorni scorsi un reparto di marines (nella foto sotto) la cui entità numerica non è stata specificata ma potrebbe risultare consistebte tenuto conto che l’attività sarà gestita a livello brigata, per la precisione la 99a Brigata marines. (una delle tre brigate che compongono il Cirpo) con quartier generale a Kaohsiung.

1592817338-5ef076baf2089

Il Pentagono ha dichiarato di essere “preoccupato” benchè il portavoce del ministero degli Esteri Cinese, Zhao Lijian”, abbia precisato che effettuare esercitazioni militari nel Mar Cinese Meridionale rientra nella sovranità della Cina.

A Washington il deputato repubblicano Mike Gallagher ha presentato alla Camera dei rappresentanti un disegno di legge chiamato “Taiwan Defense Act” (TDA), il cui obiettivo è di assicurare che gli Stati Uniti rispondano agli obblighi previsti dal Taiwan Relations Act (TRA) del 1979 a fronte delle sempre più intense manovre militari cinesi nell’area”.

Il TRA include, inoltre, un impegno a fornire armi e supporto militare a Taipei per permetterle di difendersi ma non garantisca che Washington intervenga in armi in aiuto di Taiwan in caso di attacco militare da parte della Cina, pur non escludendolo.

QL6pxRHp

Il senatore  Josh Hawley, che ha presentato una legislazione identica al Senato il 10 giugno scorso, ha avvertito nello stesso comunicato stampa che il Partito comunista dominerà la regione se gli sarà permesso di prendere il controllo di Taiwan.  Non dobbiamo permettere che ciò accada”.

A sostegno delle posizioni di Taiwan e dei Paesi Asean coinvolti nelle dispute territoriali con la Cina, gli Stati Uniti hanno schierato nel Mar delle Filippine due portaerei con i rispettivi gruppi di combattimento. La Marina Usa conduce regolarmente missioni per affermare la libertà di navigazione nel Mar Cinese meridionale, in quello orientale e nello Stretto di Taiwan.

mfc-mmm-7388-corrected-04.jpg.pc-adaptive.768.medium

Anche l’Australia è preoccupata per l’attivismo militare cinese nella regione “Indo-Pacifica” e Canberra ha annunciato che spenderà 186 miliardi di dollari (165 miliardi di euro) nei prossimi 10 anni per la Difesa, un incremento del 40% rispetto allo stanziamento decennale precedente che consentirà anche l’acquisto dei missili antinave a lungi raggio statunitensi (nella foto sopra)  AGM-158C Long Range Anti-Ship Missile (LRASM).

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password