Baghdad vara nuove operazioni contro lo Stato Islamico

9999

Le Iraqi Security Forces (ISF) hanno lanciato una nuova operazione contro Isis nelle aree desertiche a nord di Baghdad. Le manovre, a cui partecipano centinaia di soldati iracheni supportati da Inherent Resolve, coinvolgono il quadrante tra le province di Salahaddin e Diyala. In particolare, le montagne Hamrin e la valle Zaghitoon, dove si ritiene siano nascoste grosse sacche di resistenza IS.

Intanto, la Coalizione si prepara a creare un centro di advising a Erbil, che si aggiungerà a quello nella capitale. Vi opereranno militari e consiglieri di 15 nazioni, che forniranno supporto specializzato alle ISF in tutte le fasi delle operazioni contro i jihadisti. Dalla pianificazione all’esecuzione.

01fdc1c45ed060db6f11fe6b36a79c5a8aa330f5

La sua creazione fa parte del piano della Coalizione di ridurre la sua presenza militare nel paese mediorientale, rimodulandola per venire incontro alle richieste di know-how mirato da parte delle truppe locali (la missione infatti si è trasformata nel Military Assistance Group, MAG).

Nel frattempo, nell’ovest dell’Iraq continua l’operazione Lions of Jazeera-1. Le ISF stanno dando la caccia ad alcune cellule IS che si nascondono nell’area desertica a nord dell’Eufrate. Le manovre anti-IS, cominciate solo pochi giorni fa, hanno già visto distruggere sette case-rifugio dei jihadisti, un tunnel e numerosi esplosivi. Inoltre, hanno causato la morte di diversi miliziani e la cattura di molti altri.

665003303001_5190599118001_5190580895001-vs

L’ultimo strike, effettuato peraltro da Inherent Resolve, ha portato alla distruzione di una caverna e tre rifugi dei terroristi a Wadi Al-Shai. Colpite anche postazioni dei fondamentalisti a Baiji e Salahaddin. Infine, a Kirkuk, le forze anti-terrorismo hanno arrestato un elemento di spicco del gruppo, considerato ai vertici in ambito logistico e di supporto alla rete nel paese mediorientale

Foto ISF e al-Jazeera

 

Francesco BussolettiVedi tutti gli articoli

Nato a Roma nel 1974, lavora all'agenzia di stampa Il Velino. E' inviato di guerra embedded dal 2003, quando partecipò alla missione Antica Babilonia con l'Esercito Italiano in Iraq. Ha coperto sul campo anche i conflitti in Afghanistan (Enduring Freedom e Isaf) e Libano (Unifil), nonché quelli in Corno d'Africa (Eritrea, Etiopia e Somalia) e le principali attività della Nato al fianco delle forze armate di diversi paesi. E' ufficiale della Riserva Selezionata dell'Esercito, specialista Psy-Ops, e tra il 2012 e il 2013 ha prestato servizio a Herat nell'RPSE. Attualmente si occupa in particolare di cybersecurity.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password