Coalizione anti-Isis: i Tornado italiani subentrano ai Typhoon basati in Kuwait

67db6f20-6389-4192-92ab-3b7f35d964851Medium

Nella missione in Kuwait, presso la base aerea di Ahmed Al Jaber, si è tenuta alla presenza del colonnello Sergio Cavuoti, comandante dell’Italian National Contingent Command Air/Task Force Air Kuwait – la cerimonia di passaggio tra i caccia Eurofighter del Task Group Typhoon che terminano il loro primo periodo di impiego operativo in Kuwait e i velivoli Tornado del Task Group Devil che tornano a schierarsi in Kuwait, nell’ambito dell’Operazione Inherent Resolve, dopo poco più di cinque anni.

5a01a82c-f3d2-4e49-803e-42cb2eaa75ec2Medium

il Task Group Typhoon, arrivato sulla base aerea di Al Jaber il 26 marzo 2019, ha compiuto 2900 ore di volo operative di ricognizione aerotattica, in oltre 700 sortite, riuscendo a coprire quasi 9000 punti di interesse, fotografandoli in alta risoluzione e predisponendoli per l’analisi e le valutazioni della coalizione.

Per il Task Group “Devil”, appena ricostituito sulla base di Al Jaber con 4 Tornado dotati di POD da ricognizione (gondola subalare che contiene gli apparati video-fotografici), si tratta di un ritorno in Kuwait dopo poco più di cinque anni, per operare di nuovo all’interno della “Coalition of willings” che diede il via all’Operazione Inherent Resolve contro i terroristi del Daesh operanti in Iraq e Siria.

In poco meno di 24 mesi (dalla fine del 2014 a metà 2016), con oltre 3000 ore di volo e con più di 2000 obiettivi ricogniti ed analizzati, il Task Group Devil contribuì intensamente alle operazioni di contrasto del costituito stato islamico.

(con fonte comunicato Stato Maggiore Difesa

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password