Base sottomarini di Olavsvern: anche in Norvegia torna la Guerra Fredda

79_big

La Marina Statunitense potrebbe tornare a utilizzare la base per sottomarini in caverna di Olavsvern nel nord della Norvegia già attiva durante la guerra fredda e chiusa nel 2002.

I sottomarini d’attacco a propulsione nucleare potrebbero utilizzarla come base avanzata per le operazioni di pattugliamento nel Mare di Barents tese a tenere sotto controllo i movimenti dei battelli subacquei e della flotta di superficie russa.

Come riferiscono i media di Oslo, Washington sta esercitando pressioni sul governo norvegese per ottenere il via libera all’utilizzo di Olavsvern tenuto conto anche che i sottomarini statunitensi utilizzano già la vicina base di Malangen per avvicendare gli equipaggio e per il rifornimento dei loro mezzi subacquei.

04aecb5e5a7846dcf1ced78875180e70

La base di Olavsvern venne aperta nel 1963 con un accesso dal mare in caverna e ospita depositi di munizioni, carburante, officine, caserme, un ormeggio in acque profonde e un bacino di carenaggio per 38.500 metri quadrati di superficie tra spazi in caverna e in superficie.

Durante la Guerra Fredda, la Marina reale norvegese e i sottomarini delle marine alleate utilizzarono la base schierandovi i battelli destinati a tenere sotto controllo la Flotta russa del Nord nel Mare di Barents.

download

La caduta dell’Unione Sovietica ha reso superflua che venne posta in vendita dal governo norvegese nel 2009 a 17,5 milioni di dollari per essere poi veduta nel 2012 per soli 5 milioni di dollari alla società  Olavsvern Group Ltd che affittò i moli a compagnie petrolifere con pozzi off-shore, incluse società collegate alla compagnia energetica statale russa Gazprom.

Nel 2019, su richiesta della Norwegian Defence Logistics Organization (FLO), la società di servizi logistici (anche militari) WilNor Governmental Services Ltd del Gruppo Wilhelmsen ha acquistato il 66% della base affermando che l’avrebbe resa nuovamente disponibile alle forze militari norvegesi e alleate.

La US Navy esprime costanti preoccupazioni per il rafforzamento della flotta subacquea russa e vorrebbe schierare nella base norvegese gli SSN classe Seawolf.

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password