Con la base navale in Sudan la flotta russa si insedia tra Suez e Bab el-Mandeb

JESW5GVA6JAY5LBP2G5YXUSSY4

Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il 16 novembre la realizzazione di una base navale russa in Sudan in grado di ospitare fino a 4 navi, incluse unità a propulsione nucleare. Si tratta della prima base ufficiale di Mosca in territorio africano dalla fine dell’Unione Sovietica, anche se altre infrastrutture vengono da tempo utilizzate in Libia e in Repubblica Centrafricana dai contractors russi della compagnia militare privata Wagner.

EDM-Red-Sea-Map

La base verrà realizzata sulle rive del Mar Rosso non lontano da Port Sudan, sarà in grado di ospitare fino a 300 militari e consentirà alla Marina Russa di disporre di un punto d’appoggio tra Suez e lo Stretto di Bab el-Mandeb in grado di supportare le forze navali dispiegate nell’Oceano Indiano fungendo da “collettore” con le unità nel Mediterraneo incentrate sulla base di Tartus (Siria) e da supporto alla crescente penetrazione russa in Africa..

Putin ha affermato di aver approvato una proposta del governo russo per creare un hub logistico navale in Sudan e ha ordinato al ministero della Difesa di firmare un accordo per realizzarlo e utilizzarlo per le operazioni di manutenzione, rifornimento e per lo scalo e il riposo degli equipaggi.

Il terreno per la base sarà fornito gratuitamente dal governo sudanese che ha autorizzato i russi a portare nella base armi, munizioni ed equipaggiamenti impiegando aeroporti e porti del Sudan.

La Russia entra così nella corsa alle basi che interessa da anni l’area del Mar Rosso e del Golfo di Aden: i turchi hanno ottenuto dal governo sudanese un punto d’appoggio navale nel porto di Suakin, Gibuti ospita basi navali cinesi, statunitensi e francesi, mentre altre marine usano spesso il suo porto, gli Emirati Arabi Uniti hanno basi in Eritrea e Somaliland.

Secondo l’agenzia di stampa TASS la base sudanese verrà protetta con sistemi missilistici terra-aria avanzati consentendo di creare una zona di interdizione al volo. L’accordo prevede che il Sudan riceva aiuti militari da Mosca inclusi quelli necessari a costituire una forza navale credibile. La Marina sudanese ha recentemente ricevuto una nave scuola donata dalla Russia consegnata nella base navale di Port Sudan alla presenza di una delegazione russa e di funzionari sudanesi.

5fb2d6bb85f540446e04dcbe

Si tratta di una nave scuola classe Project UK-3 (per la NATO “Petrushka”) realizzata nel 1989. Ha un dislocamento totale di 350 tonnellate e una lunghezza di 39,27 metri e può ospitare 13 membri dell’equipaggio e 28 cadetti e istruttori. La velocità è di 12 nodi e l’autonomia di mille miglia nautiche a 10 nodi.

La vecchia unità (le unità gemelle sono in servizio non solo in Russia ma anche nelle marine di Ucraina e Azerbaijan) è una delle più grandi della Marina Sudanese che dispone dio una dozzina di motovedette e due piccole navi da trasporto e sbarco anfibio.

Il Sudan e la Russia hanno firmato un primo accordo di cooperazione militare durante la visita dell’ex presidente Omar Al-Bashir a Mosca nel 2017. Intesa rafforzata nel maggio 2019 da un nuovo accordo che consente alle navi militari russe di accedere ai porti del Sudan.

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password