Il rapporto 2020 di Russian Helicopters

4_Foto_Russian helicopters (2) (002)

 

 

Russian Helicopters, holding facente capo alla società statale Rostech, ha esportato 39 elicotteri militari nel 2020 con una flessione dalle quote previste del 19%, come ha riferito il rapporto annuale della compagnia pubblicato pochi giorni fa e citato dall’agenzia TASS.

“Un calo dovuto ai cambiamenti nella struttura delle esportazioni, dal rinvio di alcune commesse e dai ritardi nella ricezione di componenti realizzati all’estero a causa della pandemia mondiale di coronavirus» si legge nel documento.

Esistono tuttavia dei piani per aumentare l’esportazione di elicotteri militari nell’anno in corso tanto che sarebbe prevista nel 2021 un aumento della quota d’esportazione del 30%.

4_Foto_Russian helicopters (1) (002)

D’altra parte la stessa società nel 2020 ha firmato 20 contratti per 88 elicotteri militari per un valore di oltre 257 miliardi di rubli (3,459 miliardi di dollari); un valore che è alla pari con il livello del 2019, secondo il suddetto rapporto.

In totale la società ha prodotto 128 elicotteri nel 2020 e ha consegnato 141 nuovi velivoli ad ala rotante in base ai termini contrattuali.

«Nel 2020 – prosegue il rapporto – il portafoglio ordini includeva 502 elicotteri con un costo totale degli ordini pari a 570 miliardi di rubli (7,672 miliardi di dollari) con un aumento del 17% rispetto al 2019 in termini di valore». L’azienda offre anche servizi di riparazione e manutenzione per i suoi elicotteri.

200c419dc6a8edb488ab46d810759217

«Nel 2020 sono state effettuate riparazioni qualificate su di un elicottero Mil Mi-35M e un elicottero Ansat-U, sono stati organizzati centri di assistenza regionali nelle principali basi delle forze aeree russe e le relative imprese di riparazione di velivoli della holding hanno effettuato riparazioni di 100 elicotteri nel 2020» specifica il rapporto.

Inoltre lo scorso anno Russian Helicopters Holding ha consegnato 37 nuovi elicotteri a clienti statali o paragovernativi russi. «In questo segmento, l’holding detiene ancora il 100% del mercato nazionale. Tutti gli obiettivi di budget in termini di forniture di nuove attrezzature per elicotteri sul mercato domestico sono stati pienamente raggiunti.»

Foto Russian Helicopters

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password