La rivincita dell’intelligence USA sui siti internet talebani

BYGATLZTDFDWDOD2LNIUJUPFFA

 

 

Cinque siti web talebani considerati fondamentali per veicolare i messaggi del movimento afghano degli “studenti coranici” all’interno e all’esterno dell’Afghanistan sono improvvisamente stati oscurati.

Segnale interpretato come il tentativo degli Stati Uniti di limitare la capacità di comunicazione e propaganda dei talebani che stanno emergendo anche sul piano mediatico mondiale come i vincitori del lungo conflitto afghano dopo aver umiliato Stati Uniti e NATO.

Il Washington Post, che ha rivelato la notizia, sostiene non sia immediatamente chiaro chi o cosa abbia messo offline i siti internet talebani anche se è molto probabile che l’iniziativa sia stata assunta dalle agenzie d’intelligence americane.

DI8uswZW4AEzePo

L’aspetto paradossale è che tutti e cinque i siti in precedenza avevano la protezione online di CloudFlare, una società con sede a San Francisco che aiuta i siti web a fornire contenuti e a difendersi dagli attacchi informatici.

La società non ha voluto commentare il fatto che stesse proteggendo i siti talebani, che avevano versioni nelle due lingue afghane (pashtun e dari) ma anche in arabo, urdu e inglese.

Tutti erano offline venerdì pomeriggio. SITE Intelligence Group, organizzazione che monitora l’estremismo online, ha affermato che anche numerosi gruppi WhatsApp utilizzati dai talebani sono stati chiusi venerdì. WhatsApp, servizio di chat crittografato ampiamente utilizzato in gran parte del mondo, è di proprietà di Facebook, che ha bandito gli account talebani ufficiali dai suoi servizi.

53428be9000c8

“La proliferazione dell’infrastruttura online dei talebani, indipendentemente dal fatto che soddisfi ufficialmente i criteri di moderazione dei contenuti di alcune aziende, sta contribuendo in modo significativo al rafforzamento degli estremisti violenti globali”, ha affermato Rita Katz, direttore esecutivo di Site.

“In breve: bloccare i media online dei talebani è sicuramente una buona cosa”. Twitter, in particolare, non ha seguito una politica simile. Ha permesso a diversi account ufficiali talebani, inclusi alcuni utilizzati da portavoce, di continuare a essere attivi. Con il paradosso che in molti, sulle due sponde dell’Atlantico, hanno fatto notare che il social media è interdetto all’ex presidente statunitense Donald Trump ma non ai jihadisti talebani.

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password